Quando lo skate incontra la radio e diventa arte. Il progetto di Skate Muzik con l’artista 108

A Milano la cultura skate incontra l’arte contemporanea con un progetto firmato Skate Muzik, il programma radiofonico creato da Gianluca Quagliano. Insieme all’artista Guido Bisagni – in arte 108 – Skate Muzik ha realizzato una tavola dipinta in mostra alla Galleria Antonio Colombo di Milano. Ecco l’intervista

Skate Muzik, Crediti fotografici: Denny Mollica
Skate Muzik, Crediti fotografici: Denny Mollica

In Italia è ancora poco diffusa, ma la skateboard art è una parte importante della cultura underground americana, dove nasce negli anni ’90 con artisti del calibro di Ed Templeton, Jim Phillips, Marc Mckee e Sean Cliver. Tra i progetti più interessanti degli ultimi anni, c’è quello dell’associazione belga The Skateroom, che nel 2016 ha realizzato una collezione di tavole firmate da artisti come Ai Weiwei, Andy Hope e Paul McCarthy per sostenere Skateistan, una scuola per skater che a Johannesburg salva i ragazzi più poveri dalla strada.

SKATE MUZIK

Ora a Milano è attivo Skate Muzik, un programma radiofonico ideato da Gianluca Quagliano– skateboarder, dj, autore radiofonico e giornalista musicale – in onda su NTS Radio e con un merchandising venduto in quantità limitate in selezionati store in giro per l’Europa, il Giappone e gli Stati Uniti, tra cui quello di Supreme a Brooklyn, noto marchio di abbigliamento, dove è l’unico brand italiano in vendita. “Ho iniziato Skate Muzik nel 2015 per unire le mie due più grandi passioni di sempre, lo skate e la musica”, dice Gianluca Quagliano. “Sono passati pochi anni, ma in realtà dentro vi si fondono un vasto bagaglio di idee, ispirazioni ed esperienze”. Dopo il debutto nella radio milanese Fritto FM, Skate Muzikè arrivata alla newyorkese Know Wave e alla già citata NTS, la web radio #1 al mondo, con base a Londra e Los Angeles.

IL PROGETTO

Skate Muzik lancia il primo progetto di skateboard art insieme all’artista contemporaneo Guido Bisagni in arte 108.“Collaborare con Guido, con cui sono cresciuto, è stato un ritorno alle origini emozionante”, spiega Quagliano, “e anche se sono convinto del fatto che una tavola da skate debba stare sotto i piedi di uno skater e consumarsi fino a spezzarsi in due, ho scelto di non produrre in serie la sua e farne di questa un esemplare unico, destinato a crescere di valore col trascorrere del tempo, come tributo alle nostre storie”.L’opera dal titolo 108 per Skate Muzik sarà venduta presso la Galleria Antonio Colombo di Milano al prezzo di 1200 euro: “il soggetto della tavola fa parte di una serie di lavori iniziata due anni fa e che ho sviluppato su tela, su carta e su muro”, racconta 108 ad Artribune. “Sono tre forme ispirate alle grafiche anni ’80 – ’90. Si tratta di un originale, ma volevo che l’aspetto fosse quello di una possibile produzione in serie. Io lavoro molto sul contrasto, razionale/irrazionale, geometrico/morbido, colore/incolore, mi piacciono i contrasti e come una cosa vada a completare l’altra”.

Bianca Felicori

Tutte le puntate di Skate Muzik sono disponibili in streaming su:
www.skatemuzikmilano.it/about
108: http://www.108nero.com
Skate Muzik su Instagram: http://www.instagram.com/gianlucaquagliano
Galleria Antonio Colombo: http://colomboarte.com/
A questo link si può acquistare la tavola: https://colomboarte.bigcartel.com/product/108-per-skate-muzik

Dati correlati
AutoriPaul McCarthy, Ai Weiwei , Ed Templeton
CuratoreGuido Bisagni
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Bianca Felicori
Bianca Felicori è architetto junior e studentessa del corso di Laurea Magistrale in Architettura e Disegno Urbano presso il Politecnico di Milano. Inizia il suo percorso nella redazione di Domus insieme all’ex direttore Nicola Di Battista, correlatore della sua tesi di laurea triennale “L’occhio dell’arte in Domus” dedicata al rapporto tra la disciplina artistica e quella architettonica, con il contributo di Mimmo Paladino. Dopo l’esperienza all’interno della redazione, partecipa attivamente agli eventi dedicati all’architettura in Italia - Salone Internazionale del Mobile e Biennale di Venezia. Nata a Bologna e residente a Milano, è oggi redattrice di Artribune e si occupa di architettura e arti visive.