Sei street e poster artist invadono Castellina Scalo in Toscana con le loro opere. Le immagini

Le immagini di una mostra all’aria aperta di street e poster art che ha letteralmente modificato una frazione del comune di Monteriggioni, in Toscana. Il progetto curato da Gaia Pasi è giunto alla conclusione ed ha presentato al pubblico i risultati.

Percorsi in Comune vol. I. è una mostra a cielo aperto ideata e curata da Gaia Pasi. Durante tutta l’estate, dal 14 giugno fino al 25 settembre, sei artisti internazionali si sono susseguiti nella realizzazione di opere di “Street Poster Art”, distribuite per le strade di Castellina Scalo, una frazione di Monteriggioni, in Toscana, creando un percorso ad arte per la cittadinanza. Ha aperto la rassegna Clet Abraham, seguito dagli artisti Pierluigi Pagni, Jacopo Pischedda, Colette Baraldi, BLUB e Benedetto Cristofani. I lavori (poster di carta disegnati a mano o stampati al plotter) sono stati inaugurati la sera del 6 ottobre 2017 durante l’evento La Notte dell’Arte.
“Avete fatto carina Castellina” ha commentato un alunno della scuola elementare G. Rodari di Castellina presente alla conferenza stampa, tenutasi nella stessa giornata dell’inaugurazione, ai cui occhi le opere non sono passate inosservate.  Con questo progetto di street art l’arte evade dalle tradizionali gallerie e penetra nei luoghi della quotidianità (la stazione, le pensiline degli autobus, il circolo Arci, i cartelli stradali…) per arrivare anche a chi non sarebbe andato a cercarla. Il presente irrompe in un contesto pieno di passato, permettendo alla città di dialogare con uno slang informale e contemporaneo con le grandi periferie del mondo. Ecco le immagini degli interventi realizzati dagli artisti.

-Martina Massimilla

Percorsi in Comune I
Street Art a Castellina Scalo
A cura di Gaia Pasi

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Martina Massimilla
Martina Massimilla è un’archivista e critica d’arte. Frequenta l’Università degli Studi di Firenze laureandosi in Lettere Moderne (laurea triennale) e poi in Scienze Archivistiche e Biblioteconomiche (laurea magistrale) con una tesi sullo storico lucchese Guglielmo Lera. Iscritta nell’Elenco dei professionisti della Provincia di Lucca nella categoria “Archivisti e catalogatori dei beni librari e documentari e conservatori dei beni culturali”, svolge le sue prime esperienze professionali presso l’Archivio di Stato di Lucca e poi presso il Gabinetto Vieusseux (Palazzo Strozzi, Firenze). Continua il suo percorso professionale specializzandosi negli archivi di moda, partecipando alla digitalizzazione dell’Archivio Gucci presso l’omonimo museo in Piazza della Signoria a Firenze, per poi spostarsi a Roma, lavorando presso l’Archivio Valentino, dove si è occupata della digitalizzazione e metadatazione della rassegna stampa. Ha conseguito un Master in Curatorial Management presso l’Istituto Marangoni di Firenze e dal 2016 è contributing author per Artribune.