Quando la Street Art rende bello un cantiere. A Roma succede con Lucamaleonte

Il noto street artist realizza un murale sul cantiere di un palazzo in costruzione al quartiere San Lorenzo, in collaborazione con un vivaista e due artigiani. Con piante vere che crescono tra i disegni di uccelli e fiori.

Dopo l’esperienza del cantiere Lagrange 12 a Torino, un’altra città italiana decide di firmare con l’arte le palizzate che servono a nascondere i lavori in corso per la costruzione di un nuovo edificio. Questa volta la città coinvolta è Roma, e il progetto edilizio in questione è DeLollis 12 della Barletta Costruzioni: un eco building perfettamente inserito nel contesto urbanistico di San Lorenzo, che fa della sostenibilità il proprio punto di forza. Qui, il costruttore romano Paolo Barletta ha deciso di regalare al quartiere un’opera del famoso street artist Lucamaleonte, per comunicare fin dalle prime fasi di cantiere tutta l’ecologia e la biocompatibilità del progetto abitativo attualmente in costruzione.
Eden Effect – questo il titolo dell’opera – è un vero e proprio paradiso urbano che fiorisce letteralmente sulle barriere di cemento che delimitano il cantiere del palazzo perché, grazie alla collaborazione con un vivaista e due artigiani, alcune zone del disegno fatto di uccelli, fiori, lupi e lepri in formato gigante sono costituite da piante vere che crescono all’interno di sacche artigianali, costruite su misura e applicate direttamente al jersey, con una tecnica tipica dei giardini verticali. In questo modo l’opera – che resterà “aperta” al pubblico fino a fine lavori – cambierà progressivamente colore di pari passo con la crescita stagionale della vegetazione, garantendo al pubblico dei passanti un periodico aggiornamento del concept iniziale.

Dati correlati
Autore Lucamaleonte
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.

1 COMMENT

Comments are closed.