A Palazzo Braschi la mostra su Adolfo Porry-Pastorel, pioniere del fotogiornalismo italiano

Oltre 80 scatti provenienti dall’Istituto Luce, oltre a documenti e altri materiali di archivio, raccontano la vicenda umana e professionale del padre dei “paparazzi” e del fotogiornalismo italiano. Dalla salita al potere del fascismo fino alle immagini di costume nella società italiana del primo Novecento

Adolfo Porry Pastorel. Benito Mussolini. Comizio in Piazza S. Elena, Roma, luglio 1920 Archivio fotografico Istituto Luce, Fondo Pastorel
Adolfo Porry Pastorel. Benito Mussolini. Comizio in Piazza S. Elena, Roma, luglio 1920 Archivio fotografico Istituto Luce, Fondo Pastorel

Attualità, gossip, scoop, retroscena, cronaca nera, cronaca rosa, inchieste: tutti questi termini fanno parte del linguaggio del giornalismo da sempre e continuano ad essere presenti tutt’oggi, anche a fronte dell’avvento del web e dei mutamenti che ha portato in questo ambito. Non tutti sanno, però, che la loro origine affonda le radici all’inizio del Novecento, ed è riconducibile a una figura pionieristica ancora poco conosciuta: si tratta di Adolfo Porry-Pastorel (1888, Vittorio Veneto – 1960, Castel San Pietro Romano),la cui vicenda umana e professionale si intreccia con la storia politica e sociale dell’Italia, operando dagli anni Dieci agli anni Quaranta. Fondatore dell’agenzia fotografica V.E.D.O. – Visioni Editoriali Diffuse Ovunque, è stato il precursore di un nuovo modo di fare fotografia e informazione. Le sue immagini, spesso “rubate” o “scomode”, hanno forgiato una generazione di fotoreporter (ma anche di “paparazzi”), affermando l’importanza dell’immediatezza di linguaggio legata alla fotografia.

ADOLFO PORRY-PASTOREL, LA MOSTRA A ROMA

Fino al 24 ottobre 2021, la mostra Adolfo Porry-Pastorel – L’altro sguardo. Nascita del fotogiornalismo in Italia, a cura di Enrico Menduni e ospitata a Palazzo Braschi | Museo di Roma, celebra con sguardo inedito la figura di questo fotografo, giornalista e testimone visivo che ha forgiato un nuovo modo di raccontare il nostro tempo. In mostra, oltre 80 scatti provenienti dall’Archivio storico Luce e da altri importanti fondi, come l’Archivio Fotografico Storico del Museo di Roma, e gli archivi Farabola, Vania Colasanti, Fondazione Turati, che illustrano la vita, gli scatti, i rapporti e le diverse passioni di Adolfo Porry-Pastorel. Dal suo ambiguo rapporto con Benito Mussolini (dagli scatti celebrativi a quelli che mostravano il “backstage” di regime e il lato più artefatto della sua propaganda) alle fotografie che raccontano il costume, la leggerezza del tempo libero, le nuove abitudini degli italiani: il fotoreporter ha composto una “controstoria”, una versione indiscreta, viva e rivelatoria dell’Italia, che tocca le corde più amene della società, fino a quelle cupe e drammatiche del regime e della cronaca nera. “Pastorel diventa un grande narratore del suo e del nostro tempo, agile, intuitivo, visionario, senza steccati di genere”, spiega il curatore della mostra. “Le sue foto, alcune delle quali hanno più di 100 anni, così eccentriche, brillanti, interessanti, corrispondono incredibilmente a quanto noi cerchiamo oggi dall’informazione globalizzata: rapidità, visione, incisività. Le foto di Pastorel, antiche di decenni, risultano straordinariamente attuali, perché il canone della nostra attualità ha tra i suoi fondatori proprio questo meraviglioso reporter”.

-Giulia Ronchi

Adolfo Porry-Pastorel – L’altro sguardo. Nascita del fotogiornalismo in Italia
Fino al 24 ottobre 2021
Museo di Roma a Palazzo Braschi
Piazza di San Pantaleo, 10, Piazza Navona, 2, Roma
Vai alla pagina web della mostra

https://amzn.to/3itrzkf

Eventi d'arte in corso a Roma

Evento correlato
Nome eventoAdolfo Porry-Pastorel - L’altro sguardo
Vernissage01/07/2021
Duratadal 01/07/2021 al 24/10/2021
AutoreAdolfo Porry-Pastorel
Generifotografia, personale
Spazio espositivoMUSEO DI ROMA PALAZZO BRASCHI
IndirizzoPiazza Navona 2 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Ha collaborato con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne.