Muore a Bergamo a 90 anni Pepi Merisio, il fotografo del Papa e della gente comune

È scomparso a Bergamo all’età di 90 anni Pepi Merisio, autore attento alle condizioni di vita dell’Italia rurale degli anni ‘50/’60 e di un celebre reportage dedicato a Paolo VI, colto nella sua umanità quotidiana

Pepi Merisio, Famiglia Malga del Lago Rotondo 1967 courtesy Museo delle Storie di Bergamo
Pepi Merisio, Famiglia Malga del Lago Rotondo 1967 courtesy Museo delle Storie di Bergamo

È scomparso il 3 febbraio, nella sua amata Bergamo, all’età di 90 anni il fotografo Pepi Merisio, autore attento alle condizioni di vita delle popolazioni disagiate dell’Italia degli anni ‘50/‘60, e testimone di grandi trasformazioni economiche e sociali a partire proprio da quella città. “Per me Bergamo è stata una scoperta molto importante che mi ha fatto capire tante cose dell’Italia, dei vecchi borghi, delle vecchie costruzioni. La vita della gente di allora, che non è quella di oggi, era una vita tranquilla nell’indigenza, tutti avevano il pane da mangiare. Per me Bergamo è stata l’inizio di tutto il mio lavoro che poi ho allargato al resto d’Italia”, raccontava Merisio durante un’intervista realizzata nel 2018 in occasione dell’apertura del nuovo Museo della fotografia Sestini, che conserva lo sterminato Archivio del fotografo: 252mila diapositive, 165mila negativi su pellicola e 154mila stampe che documentano il territorio di Bergamo e provincia e il paesaggio italiano lungo il ‘900.

Pepi Merisio
Pepi Merisio

CHI È PEPI MERISIO

Nato nel 1931 a Caravaggio, nella Bergamasca dove sorge il celebre Santuario di Santa Maria del Fonte, Pepi Merisio (diminutivo di Giuseppe) inizia a occuparsi di fotografia come autodidatta nel 1947, progressivamente diventa protagonista del mondo amatoriale degli Anni Cinquanta. Nel 1956 avvia la sua collaborazione con il Touring Club Italiano e in seguito con numerose riviste, tra cui Camera, Du, Réalité, Photo Maxima, Pirelli, Look, Famiglia Cristiana, Stern, Paris – Mach. Nel 1962 passa al professionismo e l’anno seguente entra nello staff di Epoca grazie al suo reportage, pubblicato sulla rivista di Zurigo Du, In morte dello zio Angelo: straordinari scatti ispirati dalla tendenza del Neorealismo allora in atto e che segnano la sua affermazione a livello internazionale.

PEPI MERISIO: LA CARRIERA

Il famoso settimanale gli commissiona, così, il celebre servizio Una giornata col Papa, dedicato a Paolo VI che pubblica nel 1964, quando il concilio ecumenico Vaticano II, indetto da Papa Giovanni XXIII, aperto nell’ottobre del 1962 e protrattosi per più di due anni, volge ormai al suo termine, imprimendo una svolta alla presenza della Chiesa nel mondo moderno, invitata a scendere dal piedistallo e a farsi più vicina al sentire comune. Tutto questo traspare nel reportage che presenta l’umanità del Papa e il suo “carattere unico”. Caposaldo della sua attività di narratore per immagini è poi l’opera Terra di Bergamo in tre volumi, edita nel 1969 per il centenario della Banca Popolare di Bergamo e, più recentemente, Terra amata. Fotografie 1952-2015. Il libro, pubblicato da Contrasto nel 2016, presenta per la prima volta un’ampia selezione di oltre sessanta anni di attività di Pepi Merisio, accompagnato dai testi di Cesare Colombo, Roberto Koch, F. Scianna, dello stesso Merisio e del curatore Giovanni Gazzaneo che così scrive: “Il suo è un canto all’umanità fatto di immagini che colgono l’amore, il lavoro, l’amicizia, il gioco, l’attesa, la gioia, la preghiera. Un canto di terra e cielo, vita e morte. Ecco il segreto di Merisio: la capacità di raccogliere gli estremi (e quindi il tutto) in uno sguardo”.

-Claudia Giraud

https://www.youtube.com/watch?v=KxKhNFilhyg

ACQUISTA QUI I LIBRI DI PEPI MERISIO

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).