L’atmosfera di un fotografo sono le sue cartoline, gli antichi rullini conservati su una mensola, le pile di cataloghi ordinati per nome, le sue cornici. Ma ciò che emerge, chiaro e orgoglioso, è soprattutto il nitido ricordo di una soddisfazione giovanile che faceva letteralmente correre in camera oscura, che portava il cuore in gola alla comparsa dell’immagine. É il credere fermamente in ciò che si sta creando. Ed è proprio questa sensazione il punto di inizio di ogni Video Ritratto, filo comune e unità di misura per autori appassionati. Laddove raccontare significa documentare ciò che si muove e che rimane immobile e che, nella sua complessità, confluisce in un racconto intimo e personale, che ricompone le storie di diversi autori fotografi italiani.

ERIKA PELLICCI. IN BOLLA

L’emozione della fotografa nasce dall’embrione pittorico fino alla maturazione di un concetto artistico reale, vero, aderente al proprio sentire. La giovane Erika Pellicci (Barga, Lucca, 1992) scrive le sue fotografe utilizzando ogni strumento artistico, spaziando in ogni ambito, testimone attenta di momenti apparentemente incomprensibili.

– Giulia Vannucci

1 – Video Ritratti d’Autore. Incontro con Gianni Gosdan

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Vannucci
Giulia Vannucci frequenta la Scuola di Pittura all'Accademia di Belle Arti di Firenze, laureandosi con una Tesi in Storia dell'Arte Contemporanea dal titolo "I paesaggisti romantici dall'Ottocento a oggi". Appassionatasi di arti multimediali si iscrive all'Accademia di Belle Arti di Venezia, dove prosegue la sua ricerca Video e Fotografica. Nel 2018 espone in una Collettiva dal titolo "High Density" presso la sede dei Magazzini del Sale e si laurea discutendo una Tesi Specialistica sull'uso della Realtà Aumentata presso le sedi museali della Fondazione MUVE di Venezia. Attualmente lavora in maniera indipendente occupandosi di diversi progetti. L’ultimo progetto “Video Ritratti d'Autore ”, è il racconto particolareggiato di alcune storie biografiche di diversi fotografi italiani.