Tale of Two Cities, diretto dalla regista e storica dell’arte americana Donna Serbe-Davis, parla della storia e della magnificenza della Serenissima, ma allo stesso tempo racconta della sua profonda fragilità. Attraverso lo sguardo di Gianni Berengo Gardin, il pubblico viene accompagnato in un viaggio insolito che aiuta a riscoprire la parte più intima e autentica della città lagunare, nel tempo snaturata da un turismo di massa incontrollato. Veneziano di nascita, Berengo Gardin racconta se stesso e la sua sessantennale carriera con una serie di immagini suggestive. Ultime della serie, quelle che testimoniano la presenza delle grandi navi da crociera in laguna e il conseguente pericolo per la salvaguardia del patrimonio architettonico della città. Un messaggio forte e determinante, capace di attirare l’attenzione generale sul problema e di contribuire alla costituzione di un movimento civile di opposizione a politiche commerciali poco sostenibili.
Il film sarà trasmesso online giovedì 19 novembre grazie a un’iniziativa di CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia (che ha recentemente organizzato la mostra “Gianni Berengo Gardin e la Olivetti”, anticipatamente chiusa causa emergenza Covid) in collaborazione con il Festival Cinemambiente. Per vedere il film, che sarà disponibile dalle 18.30 alle 24.00, è necessario accedere alla piattaforma Streen.org.

www.camera.to

ACQUISTA QUI il libro di Gianni Berengo Gardin sulle grandi navi a Venezia

Dati correlati
AutoreGianni Berengo Gardin
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.