La collezione di Ernesto Esposito va in mostra a Torino

MEF – Museo Ettore Fico, Torino – fino al 26 gennaio & 16 febbraio. Nel museo torinese va in scena la collezione dello stilista Ernesto Esposito. Tra storia della fotografia e arte conteporanea brasiliana.

ME TWO. Opere dalla collezione di Ernesto Esposito. Some People. Installation view at Museo Ettore Fico, Torino 2020. Photo © bg MEF
ME TWO. Opere dalla collezione di Ernesto Esposito. Some People. Installation view at Museo Ettore Fico, Torino 2020. Photo © bg MEF

Al MEF è ancora in mostra, per la prima volta a Torino, l’eclettica collezione di Ernesto Esposito. Il celeberrimo stilista – noto anche ai meno appassionati della moda grazie alle importanti collaborazioni nella haute couture (Marc Jacobs, Louis Vuitton, Fendi ecc.) – ancora oggi continua ad arricchire la sua raccolta di arte contemporanea con opere provenienti da tutto il mondo, vantando una collezione che spazia dalla fotografia all’installazione, dalla pittura al video fino a opere monumentali.

COME COLLEZIONA ERNESTO ESPOSITO

Sarebbe riduttivo definire Ernesto Esposito un collezionista entusiasta e consapevole dei suoi mezzi: egli è infatti un ricercatore, che collabora e opera in stretto contatto con le gallerie più influenti del settore. Non solo. La frequentazione con artisti del calibro di Cy Twombly, Joseph Beuys, Andy Warhol e Helmut Newton gli ha permesso, da una parte, di conoscere da vicino i meccanismi culturali e sociali che intervengono nella creazione dell’artista; dall’altra parte, di influenzare gli artisti, condividendo con loro la sua instancabile capacità di analisi del mondo.
Questo “doppio movimento” è riflesso nella conformazione stessa della mostra che, infatti, si articola in due sezioni distinte: Some people e Brasil!. Il titolo della mostra complessiva, ME TWO, è anche l’assonanza del famoso slogan/hashtag “me too”, che ha segnato una svolta contro lo stolking femminile a causa dello scandalo del produttore holliwoodiano Harvey Weinstein, accusato di molestie sessuali nei confronti delle attrici con cui lavorava. La doppia valenza del titolo della mostra, perciò, volge lo sguardo sia all’immanenza dell’arte e dello scambio di idee tra mecenate e artista; sia all’attualità e alle vicende del reale.

ME TWO. Opere dalla collezione di Ernesto Esposito. Some People. Installation view at Museo Ettore Fico, Torino 2020. Photo © bg MEF
ME TWO. Opere dalla collezione di Ernesto Esposito. Some People. Installation view at Museo Ettore Fico, Torino 2020. Photo © bg MEF

STORIA DELLA FOTOGRAFIA

La prima sezione, Some people, rappresenta la storia della fotografia da Von Gloeden ai giorni nostri. La selezione documenta la nascita e lo sviluppo della fotografia d’avanguardia: Von Gloeden, Mapplethorpe, Helmut Newton, Bruce Weber, Cindy Sherman, Thomas Ruff, Wolfgang Tillmans e Thomas Struth sono interpreti e paladini della totale libertà di espressione. Per Ernesto Esposito, la fotografia è una lettura appassionata della vita, che sottrae dall’aura scandalosa ciò che è considerato fuori dalle convenzioni sociali, inserendolo nel contesto dell’arte e della cultura.
Il cospicuo numero di opere – fotografie originali, stampe vintage, ritratti in piccoli formati e scatti di grandi dimensioni – fa parte di sottoinsiemi, costituiti con intenti e criteri diversi, che immortalano anche diverse fasi della vita del collezionista. Si aggiunga che, come già accennato, Esposito conosceva e sosteneva molti degli artisti: un esempio è l’incontro con Jack Pierson, da cui nacque addirittura una collaborazione “sul campo”. L’obiettivo della mostra è di raccontare, attraverso lo sguardo acuto del collezionista, il ritratto di un’epoca “dal cuore selvaggio”, dove la fotografia documentava e nobilitava “estremi e bizzarrie attraverso una scrittura sincopata, ironica, fatta di dialoghi fulminei e ritratti allucinati” (J. Fritscher).

ME TWO. Opere dalla collezione di Ernesto Esposito. Brasil! Installation view at Museo Ettore Fico, Torino 2020. Photo © bg MEF
ME TWO. Opere dalla collezione di Ernesto Esposito. Brasil! Installation view at Museo Ettore Fico, Torino 2020. Photo © bg MEF

LE OPERE DALLA SCENA BRASILIANA

La seconda sezione, Brasil!, è dedicata all’arte contemporanea brasiliana degli ultimi vent’anni, con particolare attenzione alle nuove generazioni di artisti, che sono riuscite a delineare una corrente stilistica originale. Il territorio brasiliano, con le sue contraddizioni e differenze politiche, urbane ed ecosistemiche, ha dato vita a poetiche complesse che rispecchiano il mondo intero.
La peculiarità della mostra consiste in questa ricchezza di punti focali: dalle architetture di Oscar Niemayer, che illustrano le favelas; ai materiali come terra e legno di Matheus Rocha Pita, tenaci simboli di una natura sempre più contaminata e assoggettata dall’industria; agli oggetti di uso comune di Opavivarà!, dettagli di uno spaccato sociale ricco di criticità tra tradizione e progresso. Gli artisti, grazie alla loro sensibilità ricettiva, hanno saputo rappresentare uno spaccato fedele dello stato sociale del paese, sintetizzando i massicci cambiamenti economici e urbanistici (ad esempio le conseguenze delle Olimpiadi del 2016) in opere dal notevole fascino.

– Federica Maria Giallombardo

Evento correlato
Nome eventoMe Two. Opere dalla collezione di Ernesto Esposito
Vernissage25/09/2019 su invito
Duratadal 25/09/2019 al 26/01/2020
AutoreAndy Warhol
CuratoreAndrea Busto
Generefotografia
Spazio espositivoMEF - MUSEO ETTORE FICO
IndirizzoVia Francesco Cigna 114 10155 - Torino - Piemonte
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Federica Maria Giallombardo
Federica Maria Giallombardo nasce nel 1993. Consegue il diploma presso il Liceo Scientifico Tradizionale “A. Avogadro” (2012) e partecipa agli stage presso l’Assessorato alla Cultura della Provincia di Biella (2009-2012). Frequenta la Facoltà di Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Torino, laureandosi nel 2016 con una tesi di ricerca di Filologia Italiana sull’epistolario di Vittorio Alfieri. Partecipa come relatrice alla X edizione della Scuola di Alta Formazione “Cattedra Vittorio Alfieri” nel settembre 2016. Collabora con la Fondazione Centro Studi Alfieriani e con Palazzo Alfieri. È associata alla Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze. Scrive recensioni per la webzine «OUTsiders». In occasione di Artissima 2016, partecipa al progetto “Ekphrasis 21”. Collabora con diversi artisti, tra cui Giuseppe Palmisano, Massimo Brunello e Stefania Fersini, dei quali cura il portfolio e i comunicati stampa.