La malinconia della morte. Marina Malabotti a Roma

Galleria Nazionale, Roma ‒ fino al 31 marzo 2019. La mostra romana riunisce le fotografie di Marina Malabotti che, dagli inizi degli Anni Settanta fino al decennio successivo, hanno documentato gli aspetti antropologici della vita nel Mezzogiorno. Ma hanno veicolato anche uno sguardo attento e consapevole sull’universo dell’arte contemporanea.

C’è qualcosa di profondamente nostalgico, nella produzione fotografica di Marina Malabotti (Roma, 1947-1988). È stato uno sguardo, il suo, che ha superato la rigida classificazione antropologica degli eventi, dei culti e dei riti, ponendosi come obiettivo il saper osservare con pathos le movenze dell’uomo contemporaneo, siano esse drammatiche o beffarde, ma comunque incentrate sulla sofferenza e sulla bellezza inquietante, incredibilmente melanconica della gente che popolava, allora come ora, le aree più periferiche del mondo e dell’anima. Così, con profonda coscienza e consapevolezza etnografica, si è accostata a temi di non facile frequentazione, in primis la morte, portando alla luce fotogrammi in cui sono stati analizzati e osservati i simboli funerei, le dinamiche e i comportamenti nel lutto, presentando successivamente una realtà apparentemente immobile nel tempo e nello spazio, che è risultata invece profondamente viva.
I luoghi deputati alla morte, come i cimiteri, pullulano di emozioni, ricordi, viaggi, pellegrinaggi e speranze. Sono le geografie nelle quali si muovono le giovani donne, le vecchie e gli uomini ritratti dalla Malabotti, immagini potenti che raccontano di una precarietà composta, di sguardi fieri e dolenti, di attese e di partenze, anche quando ritraggono i protagonisti dell’arte contemporanea.

Fabio Petrelli

Evento correlato
Nome eventoMarina Malabotti fotografa. Uno sguardo pubblico e privato
Vernissage04/02/2019 ore 18 su invito
Duratadal 04/02/2019 al 31/03/2019
AutoreMarina Malabotti
CuratoreGiacomo Daniele Fragapane
Generifotografia, personale
Spazio espositivoLA GALLERIA NAZIONALE
IndirizzoViale delle Belle Arti 131 — 00197 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Fabio Petrelli
Nato nel 1984 ad Acquaviva delle Fonti, è uno storico dell’arte. Laureato nel 2006 presso l’Accademia di Belle Arti di Roma con una tesi in storia dell’arte (Storie notturne di donne. La rappresentazione perturbante della donna dal XV secolo ad oggi), nel 2013 si laurea in Storia dell’arte presso l’Università degli studi di Roma Tor Vergata con una tesi in Arti visive del XXI secolo (Imago Mortis. La rappresentazione della morte nell’arte contemporanea). Ha collaborato per diversi musei e gallerie; autore di molteplici saggi a carattere demo-etno-antropologico e storico-artistico, in ambito critico attinge agli studi sull’universo simbolico dei rituali religiosi e di come tali forme culturali si riverberano nell’universo archetipico della storia dell’arte dall’antichità al contemporaneo.