È Liu Bolin il vincitore del Premio BNL Gruppo BNP Paribas a MIA Photo Fair 2019

L’artista cinese è stato proclamato oggi vincitore dell’ambito premio lanciato dal gruppo bancario in occasione della nona edizione di MIA Photo Fair.

Liu Bolin, Mosè, San Pietro in Vincoli – Courtesy Boxart / vincitore del Premio BNL Gruppo BNP Paribas a Mia Photo Fair 2019
Liu Bolin, Mosè, San Pietro in Vincoli – Courtesy Boxart / vincitore del Premio BNL Gruppo BNP Paribas a Mia Photo Fair 2019

È stato annunciato questa mattina il vincitore del Premio BNL Gruppo BNP Paribas della nona edizione di MIA Photo Fair 2019 di Milano: si tratta di Liu Bolin, con l’opera Mosé, San Pietro in Vincoli (2018) presentata dalla Galleria Boxart di Verona.

LIU BOLIN VINCITORE DEL PREMIO BNL GRUPPO BNP PARIBAS: MOTIVAZIONE DELLA GIURIA

Durante la conferenza stampa tenutasi all’inaugurazione di MIA Photo Fair, la Responsabile delle Relazioni Istituzionali del gruppo, Anna Boccaccio, ha riferito le motivazioni espresse dalla giuria di esperti: “Liu Bolin, nato nel 1973 nella provincia cinese dello Shandong, conosciuto in tutto il mondo come “artista camaleonte” che si mimetizza nel paesaggio come soggetto delle sue fotografie, ha dedicato una delle sue ultime serie all’Italia, patria delle più belle opere al mondo, monumenti storici e artisti del rilievo di Michelangelo, Leonardo e Caravaggio. Liu Bolin ha scelto come soggetto fotografico di questa serie i monumenti simbolo della storia dell’arte italiana. Mosè, San Pietro in Vincoli fa da sfondo alla sagoma dell’artista, mimetizzato di fronte all’imponente statua, risaltandone i sublimi dettagli scultorei e i giochi di luci e ombre che sottolineano l’impareggiabile capacità artistica di Michelangelo”.

GLI ARTISTI IN CONCORSO

L’artista cinese è stato premiato in questa edizione del Premio BNL Gruppo BNP Paribas, selezionato tra 15 artisti: Luca Coclite, Rania Matar, Irene Kung, Jojakim Cortis & Adrian Sonderegger, Denis Félix, Sofia Uslenghi, Rune Guneriussen (quest’ultimo ha firmato la locandina di questa edizione), Sonac, Patricio Reig, Giulio Di Sturco, Diego Ibarra Sànchez, Silvia Papa, Dafna Talmor e Katerina Belkina. La sua opera sarà acquisita da BNL e andrà ad arricchire il patrimonio artistico della Banca che, ad oggi, conta 5mila opere tra cui figurano capolavori dell’arte classica e moderna, nonché contemporanea. “La partecipazione come main sponsor a MIA Photo Fair”, un impegno che si protrae ormai da otto anni, “ci ha permesso di raccogliere una collezione ormai diventata cospicua”, ha spiegato ancora Anna Boccaccio.

BNL GRUPPO BNP PARIBAS, MAIN SPONSOR DI MIA PHOTO FAIR 2019

Della partecipazione costante di BNL Gruppo BNP Paribas all’offerta culturale di MIA Photo Fair ne avevamo già trattato qui. Con il premio speciale dedicato a questa fiera, giunto ormai alla sua ottava edizione consecutiva, il gruppo si impegna a promuovere attivamente l’arte sul territorio – per questa occasione la fotografia, in particolare – non solo offrendo il proprio sostegno economico, ma anche acquisendo numerosi lavori, di cui una sezione significativa è costituita da giovani artisti contemporanei. La partecipazione del Gruppo, inoltre, è accompagnata da un progetto fotografico presentato nell’area appositamente dedicata a BNL, dal titolo L’imperfezione della Bellezza, realizzata da Luigi Spina. In questa esposizione, l’artista presenta cinque scatti che ritraggono importanti statue romane appartenenti al Patrimonio Artistico della Banca, sottolineandone i segni del tempo incastonati sulle superfici marmoree. Un omaggio alla grandezza della classicità che diventa, attraverso un rinnovato sguardo, di nuovo contemporanea. Tutti i lavori fotografici degli artisti che hanno partecipato al Premio BNL Gruppo BNP Paribas sono, infine, raccolti sulla pagina Instagram @bnl_cultura e sul canale Twitter @BNL_PR, dando la possibilità a tutti gli utenti di conoscere da vicino le opere e i loro autori di livello internazionale.

– Giulia Ronchi

Dati correlati
AutoreLiu Bolin
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Attualmente collabora con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne. Cura la rubrica “Le curatrici donne più influenti nel mondo” per Marie Claire e “Storie d’amore nella storia dell’arte” per Elle.

LEAVE A REPLY