Capri e la fotografia. Gli scatti di Lorenzo Cicconi Massi

Certosa di San Giacomo, Capri ‒ fino al 29 luglio 2018. È tempo di fotografia a Capri. Il 2018 coincide con la decima edizione del Festival della Fotografia nella Certosa di San Giacomo, con la mostra di Lorenzo Cicconi Massi a cura di Denis Curti.

L’obiettivo del Festival della Fotografia di Capri è promuovere ogni anno l’isola attraverso un racconto fatto di scatti d’autore, come è stato in passato grazie a Mimmo Jodice, Herbert List e Giovanni Gastel, tra gli altri. Con un video e circa venticinque opere di grandi dimensioni, quest’anno il fotografo marchigiano Lorenzo Cicconi Massi (Senigallia, 1966) evoca il dialogo tra uomo e natura nei prestigiosi scenari delle ville di Tiberio, imperatore romano dal 14 d.C. che visse a Capri dal 27 d.C. per dieci anni.
Immerso nella tranquillità dell’isola sospesa tra l’azzurro del cielo e del mare, Tiberio fece costruire ben dodici ville, ma solo tre sono sopravvissute: Villa Jovis, Villa Damecuta e Palazzo a Mare, testimoni della storia dell’Isola Azzurra che ancora oggi è fonte di ispirazione per molti artisti e indiscussa meta turistica da ogni parte del mondo.
La mostra è allestita al Quarto del Priore della certosa e ciascuna opera fotografica è stata realizzata rigorosamente in bianco e nero per esaltare il rapporto tra l’archeologia e la danza: la performance dello scorso giugno a Villa Jovis, la villa preferita dall’imperatore, dei ballerini di In/Finito curata da Aterballetto in collaborazione con la Fondazione Capri.

Fabio Pariante

Evento correlato
Nome eventoFestival di Fotografia a Capri X Edizione - Lorenzo Cicconi Massi
Vernissage30/06/2018 ore 19,30
Duratadal 30/06/2018 al 29/07/2018
AutoreLorenzo Cicconi Massi
Generifotografia, personale
Spazio espositivoCERTOSA DI SAN GIACOMO
IndirizzoVia Certosa 1 - Capri - Campania
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Fabio Pariante
Docente e giornalista freelance, è laureato magistrale in Lingue e Comunicazione Interculturale in Area Euromediterranea con tesi in Studi Interculturali dal titolo "La Primavera Araba nell’era del web 2.0: il ruolo dei social network". Nel 2011, con il patrocinio della Presidenza della Repubblica, ha vinto il Premio Giovanni Giovannini – Nostalgia di Futuro per la tesi di laurea triennale in Storia dell’Arte Contemporanea dal titolo "Net.Art: l’arte di fare network". Inoltre, è co-founder del progetto Marina Abramovic Institute a New York dell’artista serba, e a Napoli ha partecipato all’opera collettiva "Rebirth – Terzo Paradiso" di Michelangelo Pistoletto. Collabora con diverse redazioni nazionali e straniere e dal 2018 con la Mapils Gallery di Napoli.