Ecco chi ha vinto il primo Artifact Prize. L’annuncio al Castello di Levizzano

Un nuovo premio per artisti contemporanei, promosso dall’Associazione Culturale Metronom, vi sveliamo chi si è aggiudicato i principali riconoscimenti, assegnati durante l’opening della mostra collettiva allestita nelle sale del Castello di Levizzano, in provincia di Modena.

Daniele Marzorati, As the crow flies, stampe Light je
Daniele Marzorati, As the crow flies, stampe Light je

Un sapone a forma di cubo, quello tipico e pregiato di Aleppo, città fino a qualche anno fa nota proprio per questo eccellente prodotto e che oggi è invece al centro di disperate notizie che informano sull’andamento del conflitto in Siria. Proprio il parallelepipedo di sapone diventa per Massimiliano Gatti (Pavia, 1981) – fotografo al seguito di missioni archeologiche in Medio Oriente e nel Kurdistan iracheno – il simbolo di una lotta che si consuma da anni. L’oggetto si traduce in una serie di fotografie dove il prodotto per l’igiene è mostrato intero e solido, poi fragile e sgretolato, come il territorio che lo vede nascere. Aleppo è una foglia d’oro è il progetto che si è aggiudicato il primo premio di Artifact Prize, promosso da Associazione Culturale Metronom, in collaborazione con Francesco Pozzi & Soci e il Comune di Castelvetro di Modena, oltre ad altri partner, in base alle valutazioni della giuria composta da Fabrizia Carabelli (editor, INSIDE ART), Alessandro Carrer (critico d’arte, docente ISIA Urbino), Vittorio Iervese (Docente Università di Modena e Reggio Emilia), Andrea Losavio (Galleria d406),  Marcella Manni (Associazione Culturale Metronom), Chiara Massimo (Rotary Club Castelvetro di Modena), Francesco Pozzi (Francesco Pozzi & Soci).

GLI ALTRI PREMI

Proprio una giuria così qualificata e dalle competenze eterogenee ha garantito, secondo Marcella Manni la cui associazione si è occupata in particolare dell’organizzazione del premio, “un’ampia partecipazione di artisti nazionali, con qualche presenza anche di stranieri. Quello che ci ha colpiti in particolare è stata l’alta qualità dei lavori presentati che ha reso molto complessa la selezione dei finalisti”. Il secondo premio, che consiste nella prossima realizzazione di una mostra personale a cura di Metronom, è andato all’installazione As the Crown Flies di Davide Marzorati (Milano, 1988), tesa a indagare il rapporto di “creolizzazione che esiste tra gli oggetti di esportazione coloniale europea e la cultura dei differenti luoghi” attraverso opere realizzate tra Parigi e Shangai, luoghi che, pur lontanissimi, esprimono una possibile convivenza di passato e presente. A Valentina d’Accardi (1985, Bologna) – con Inconscio Idraulico – e a Claudia Sinigaglia (Padova, 1985) con i disegni della serie Untitled è stato infine assegnato il terzo premio ex-aequo: la prima ha proposto una videoinstallazione “ipnotica” che riflette sull’uso quotidiano di dispositivi fotografici e video, mentre i disegni a matita ritraggono situazioni di affollamento raffigurandole con sintetici punti ed equasioni matematiche in modo da studiare il comportamento collettivo e le dinamiche di movimento della folla. Se il prossimo appuntamento vedrà la presentazione, a metà settembre, di un catalogo relativo alle opere selezionate, i soggetti coinvolti – come ci ha confermato Marcella Manni – hanno già dimostrato la loro volontà di replicare l’iniziativa per il 2019 su scala ancora più grande.

– Marta Santacatterina

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marta Santacatterina
Giornalista pubblicista e dottore di ricerca in Storia dell'arte – titolo conseguito all'Università degli Studi di Parma con una tesi in Storia dell’arte medievale –, svolge da molti anni la professione di editor freelance per conto di varie case editrici ricoprendo anche, dal 2015 all’inizio del 2018, il ruolo di direttore editoriale del marchio Fermoeditore e della rivista collegata “fermomag”, sulla quale si è dedicata alle rubriche di arte, fotografia e mostre. Scrive per “Artribune” fin dalla nascita della rivista nel 2011, mentre più recenti sono le collaborazioni con il sito “Art&Dossier” – sul quale recensisce progetti allestiti in gallerie private –, con “La casa in ordine”, dove si occupa di designer emergenti e autoprodotti, e con la rivista “Dolcesalato”, su cui propone ai pasticceri suggestioni tratte dall'arte contemporanea. Scrive inoltre testi storico-artistici e sul fumetto per case editrici italiane (Giunti editore, Grafiche Step editrice ecc.) e statunitensi (Fantagraphics Books). Ha partecipato come giurata a concorsi di arte o fotografia e raramente cura delle mostre per artisti che riescono a convincerla grazie alla qualità dei lavori e alla solidità della loro poetica. Per la sede di Parma del Boston College, si occupa inoltre di attività di tutoring sull'arte contemporanea per studenti americani.