Futuro Presente: l’epoca del digitale raccontata da 20 fotografi a Milano

Come cambia il mondo in relazione al progresso tecnologico? Una mostra organizzata a Milano in occasione della Digital Week affida la risposta all’obiettivo di 20 fotografi, che mettono insieme un impressionante racconto composto da 400 immagini

Quattrocento immagini per capire il presente e immaginare il futuro. Una mostra fotografica a Milano, organizzata in occasione della Digital Week e curata da ArtsFor, si prefigge di raccontare i temi più scottanti della contemporaneità attraverso le immagini di 20 artisti di fama internazionale. Futuro Presente, aperta fino al 18 marzo presso BASE, prende la forma di un monumentale slideshow: centinaia di fotografie proiettate su cinque maxi schermi allestiti in uno spazio di 1200 metri quadrati. I temi sono quelli che riguardano il rapporto tra società e nuove tecnologie, tra presente e futuro, tra progresso e identità dell’uomo. Ci sono le foto che Kurt Caviezel ha raccolto setacciando le web cam pubbliche, occhi elettronici sempre aperti sul nostro mondo; i ritratti che Giulio di Sturco ha fatto a Sophia, sofisticato robot umanoide costruito ad Hong Kong; gli scatti di Delfino Sisto Legnani fatti nel centro Amazon di Piacenza; e le vanitas tecnologiche di Jeanette May, ispirate alla grande tradizione pittorica fiamminga. Ma non mancano progetti che raccontano l’intelligenza artificiale, come quelli di Alessandro Calabrese ed Ester Hovers, e racconti incentrati sulle conseguenze dolorose del cambiamento, come Kodak City di Catherine Leutenegger, ambientato nella città di Rochester dopo il declino della grande azienda di pellicole, e Deadline di Will Steacy, che ha a seguito per cinque anni la parabola discendente del quotidiano The Philadelphia Inquirer.

– Valentina Tanni

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020). Collabora con la redazione di Artribune dalla sua fondazione.