È una delle immagini simbolo dell’11 settembre, forse quella che sintetizza meglio la tragedia di chi si trovò, una mattina qualunque, ad affrontare la morte, imprigionato nelle Twin Towers avvolte dalle fiamme. Lo scatto, catturato dal fotografo dell’Associated Press Richard Drew, ritrae un uomo che cade dalla Torre Nord alle 9.41 del mattino, per un incidente o forse per un atto volontario, cercando una tragica via d’uscita dal violento incendio che devastava l’edificio. Come racconta lo stesso autore in questo video pubblicato dal magazine Time, erano tante le persone che vennero viste volare giù dai due grattacieli, e nessuna di loro è stata identificata perché il recupero dei corpi, dopo il crollo, è divenuto impossibile. Lo stesso “falling man” della fotografia di Drew – questo il suo appellativo dopo l’uscita dell’omonimo articolo sulla rivista Esquire – non è ancora stato identificato con sicurezza, anche se sembra si tratti di un impiegato del ristorante Windows on the World, al 106esimo piano della Torre Nord.

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.

4 COMMENTS

  1. Mi rifiuto di guardare il video: a nessuno permetterò di manipolare la mia curiosità e la mia sensibilità, anche per finalità apparentemente irreprensibili.

      • Dipende cosa si intende per storia: qualsiasi fatto accaduto nel passato? mentre tutto ciò che avviene nel presente sarebbe cronaca.
        Le nazioni giovani, pare abbiano così tanta fame di storia, che a volte riescono anche ad inventarsela, una propria storia, senza risparmiare in fatto di mezzi o aspettarne la naturale sedimentazione…e costi quel che costi.

Comments are closed.