Un emozionante percorso al seguito di un grande fotografo, per scoprire come nascono i suoi scatti. È Koudelka. Shooting Holy Land, il documentario che Gilad Baram ha dedicato a Josef Koudelka (Boskovice, 1938) e al suo viaggio in Israele e Palestina. Il fotografo ceco, membro storico dell’agenzia Magnum, cresciuto a sua volta dietro a una barriera, quella della cortina di ferro, arriva davanti al muro israeliano quarant’anni dopo il suo mitico reportage dell’invasione sovietica di Praga nel 1968. Comprensibilmente scosso, ma anche affascinato, Koudelka inizia una ricerca che durerà oltre quattro anni, e Baram, allora suo assistente, lo segue e documenta il suo lavoro. Il film ci mostra il dietro le quinte di ogni scatto, guidandoci alla scoperta del suo metodo e della sua personalissima visione del mondo.

www.koudelka-film.com

Dati correlati
AutoreJosef Koudelka
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • http://www.athanor-arte.com Domenico Ghin

    Josef Koudelka un fotografo senz’altro unico per l’uso personalissimo che ne fa del bianco-nero, per l’uso frequente delle diagonali, dell’inclinazione dei piani, per la costruzione dell’immagine, per la scelta dei soggetti .