Fausto Melotti in versione “chiarista”. Mostra da vedere a Milano

Ci sono tre sculture, anche se non quelle che ci si potrebbe aspettare. E molta pittura figurativa. È una mostra di Fausto Melotti, inattesa e da non perdere alla Galleria Christian Stein di Milano.

È un Fausto Melotti (Rovereto, 1901 – Milano, 1986) privato, inaspettato, quello proposto alla Galleria Christian Stein di Milano. In mostra, una serie di opere figurative, vedute realizzate a Zoagli, sul Levante ligure, nella casa sulla via Aurelia, dove Melotti trascorreva i periodi estivi.

LA PITTURA “CHIARISTA” DI FAUSTO MELOTTI

È la pittura apparentemente facile di un artista che ha voglia di liberarsi gli occhi e la testa dopo le tragedie della guerra che lo avevano colpito nel profondo. Da alcuni è stata definita “chiarista” ma, come sempre, le etichette sono coercitive. Non credo fosse questa la volontà dell’artista roveretano, che realizza quelle opere intorno ai cinquant’anni. Oggi lo definiremmo quasi un giovane artista, allora no.
Siamo nel 1956 e Melotti mostra le sue pitture nella seconda personale alla Galleria L’Annunciata di Bruno Grossetti in una Milano che stava rinascendo. Del resto, come lui stesso scrisse per l’occasione: “Io dipingo. In pittura forse abbiamo ancora il modo di dire qualcosa, una parola che almeno non sia stata pronunciata con quell’accento. Un modo privato, una specie di diario. In scultura più niente da fare, da dire, dopo quello che già è stato detto e fatto. È morta, per ora. Nessuno può crederci più”. Scultura lingua morta, parafrasando Arturo Martini. Ma alla scultura Melotti in seguito sarebbe tuttavia tornato, dando vita a opere straordinarie, di una poetica leggerezza.

Fausto Melotti. Zoagli. Exhibition view at Galleria Christian Stein, Milano 2021. Courtesy Fondazione Fausto Melotti e Galleria Christian Stein, Milano. Photo Agostino Osio
Fausto Melotti. Zoagli. Exhibition view at Galleria Christian Stein, Milano 2021. Courtesy Fondazione Fausto Melotti e Galleria Christian Stein, Milano. Photo Agostino Osio

MELOTTI: CERAMICHE E ANCORA PITTURA

In mostra ci sono anche tre opere tridimensionali realizzate in quegli anni. Al centro dello spazio, una grande ceramica policroma, Cariatide (1950), che stava in coppia con un’altra su una delle grandi navi da crociera degli Anni Cinquanta. Melotti era stato chiamato a realizzarla da Gio Ponti. Mi piace pensare a un viaggio, popolato con opere di tale grandezza.
E quindi una terracotta biscotto del 1945 di piccolo formato e una straordinaria cera persa del 1950 con una Madonna incinta. Un’iconografia piuttosto rara. La donna è annoiata, abbandonata su se stessa, in attesa. Un oggetto che risente della lezione dei maestri, di Medardo Rosso in primis.
Dunque, una mostra da non perdere, da vivere guidati, come da un precetto, dalle parole di Melotti: “In tutti i bambini la poesia è viva. Poi viene uccisa”. Pare di leggere tali parole nella pittura che ci accompagna all’uscita, dove i colori sono mutati, le tonalità sono scure, tetre per certi versi – un risveglio dalla dimensione trasognata.

– Angela Madesani

Eventi d'arte in corso a Milano

Evento correlato
Nome eventoFausto Melotti - Zoagli
Vernissage15/04/2021 no
Duratadal 15/04/2021 al 30/07/2021
AutoreFausto Melotti
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA CHRISTIAN STEIN
Indirizzocorso Monforte 23 20122 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Angela Madesani
Storica dell’arte e curatrice indipendente, è autrice, fra le altre cose, del volume “Le icone fluttuanti. Storia del cinema d’artista e della videoarte in Italia”, di “Storia della fotografia” per i tipi di Bruno Mondadori e di “Le intelligenze dell’arte” (Nomos edizioni). Ha curato numerose mostre presso istituzioni pubbliche e private italiane e straniere. È autrice di numerosi volumi di prestigiosi autori fra i quali: Gabriele Basilico, Giuseppe Cavalli, Franco Vaccari, Vincenzo Castella, Francesco Jodice, Elisabeth Scherffig, Anne e Patrick Poirier, Luigi Ghirri. Ha recentemente curato un volume sugli scritti d’arte di Giuseppe Ungaretti. Insegna all’Accademia di Brera e all’Istituto Europeo del Design di Milano.