Rethinking Guernica, il sito web dedicato al capolavoro di Pablo Picasso

Il sito web, realizzato dal Museo Reina Sofía di Madrid, raccoglie documenti e testimonianze sull’opera simbolo di Picasso. Ed è inoltre possibile fruire delle scansioni in Gigapixel

Pablo Picasso, Guernica, 1937. Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía, Madrid
Pablo Picasso, Guernica, 1937. Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía, Madrid

Da oramai un anno la pandemia ci ha costretto al distanziamento fisico e al conseguente utilizzo delle piattaforme online per lavoro, studio, fruizione di servizi e svago. Non fa eccezioni il mondo dell’arte e della cultura, con musei, gallerie, fiere e grandi eventi che stanno utilizzando le tecnologie digitali per promuovere la propria programmazione. Negli ultimi mesi, a riscuotere particolare successo sono le mostre virtuali, con tour guidati fruibili da tutti da qualsiasi parte del mondo, da computer o smartphone, ma anche i siti web interamente dedicati ai capolavori della storia dell’arte: ne è un esempio Operation Night Watch, piattaforma online del Rijksmuseum di Amsterdam in cui è possibile fruire, ad altissima definizione, della celebre Ronda di Notte di Rembrandt. Un progetto simile si trova anche in Spagna, a cura del Museo Reina Sofía di Madrid: Rethinking Guernica. 

LA GUERNICA DI PICASSO SUL WEB 

Realizzata da Pablo Picasso (Malaga, 1881 – Mougins, 1973) nel 1937, Guernica fu ispirata dal bombardamento degli eserciti tedesco e italiano sulla città basca di Guernica. Un evento traumatico e tragico, che Picasso riuscì a immortalare sulla tela con una forza e un’efficacia tali da trasformare il dipinto un simbolo contro la violenza e i soprusi di ogni guerra. L’opera venne esposta nello stesso anno a Parigi, nel Padiglione Spagnolo dell’Esposizione Universale, per poi essere mostrata in molte città del mondo. Oggi Guernica è custodita al Museo Reina Sofía, che ha deciso di dedicare al dipinto un sito web, Rethinking Guernica, piattaforma di studio e ricerca concepita come un archivio di documenti e testimonianze di istituzioni e agenzie spagnole e internazionali. La natura diversificata e la provenienza dei materiali raccolti, portano così a una comprensione totale dell’opera, che va oltre l’analisi della pratica pittorica di Picasso: con Rethinking Guernica si vuole infatti ricostruire l’influenza e l’impatto che l’opera ha avuto e continua ad avere nell’immaginario artistico e popolare, raccogliendo i racconti di chi Guernica l’ha vissuta in prima persona. Tra tutti, Roland Dumas, avvocato, politico ed esecutore testamentario di Pablo Picasso, incaricato di redigere il testamento dell’artista su Guernica, garantendo che sia il dipinto sia i lavori preparatori avrebbero potuto tornare in Spagna solo nel Paese fosse stata ripristinata la democrazia. 

GUERNICA DI PICASSO IN GIGAPIXEL

Tra i contenuti offerti dal sito, è anche la possibilità di osservare Guernica in Gigapixel: l’opera è stata scansionata in tutte le sue parti utilizzando diverse frequenze luminose – ultravioletta, infrarossi, raggi X – che permettono di fruirla anche nei suoi strati non visibili a occhio nudo. Sul sito, è possibile scegliere tra le diverse scansioni di Guernica e scoprire attraverso lo strumento zoom tecniche, pennellate e ripensamenti che hanno contraddistinto l’impresa di Picasso. 

– Desirée Maida 

www.guernica.museoreinasofia.es

ACQUISTA QUI il libro su Guernica

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.