Allegorie malinconiche. Giorgio de Chirico a Osimo

Palazzo Campana, Osimo ‒ fino al 4 novembre 2018. Le opere di Giorgio de Chirico animano la mostra curata da Vittorio Sgarbi nella sede anconetana.

Tra dipinti, sculture e disegni si dipana l’universo di Giorgio de Chirico (Volo, 1888 ‒ Roma, 1978), ricco di allegorie e di richiami al mito, alla storia e al passato. Traduce in architetture, in piazze e in manichini gli assemblaggi incongruenti di esperienze visionarie e traslate.
Declinate con lirica e sapiente maestria, prendono forma le trame di un mondo in cui l’immaginario e l’onirico si legano a chimeriche consistenze e surreali atmosfere.
Gli spazi sulle tele si presentano come palcoscenici in cui le quinte sono abitate da peculiarità coesistenti e appartenenti a mondi differenti, in cui le muse, gli archeologici o i gladiatori sono attori di scene malinconiche e forsennatamente impenetrabili.
Come un abile rapsodo di canti antichi, de Chirico racconta i miti con tinte forti e forme antropomorfe: ogni maschera interpreta il proprio personaggio e oggetto e soggetto convivono nella stessa superficie pittorica.
Piazze vuote, manichini senza volto, busti di marmo e oggetti enigmatici popolano scene di cieli senza spazio e senza tempo per una realtà dai tratti distorti e valenze deformi, quali metafore misteriose dell’esistenza. Alle conversazioni silenziose si affiancano i dialoghi indecifrabili di automi con arti umanizzati, mentre, in ambienti carici di suggestioni e influenze irreali, la luce colora di toni innaturali la muto eco delle piazze e dei paesaggi immobili.

Silvia Papa

Dati correlati
AutoreGiorgio De Chirico
Spazio espositivoPALAZZO CAMPANA
IndirizzoPiazza Dante, 4 - 60027 - Osimo - Marche
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Silvia Papa
Storico dell’arte. Laureata in Storia e Conservazione dei Beni Culturali – indirizzo Storico Artistico – con una tesi quadriennale in Museologia e una seconda Laurea in Lettere con una tesi in Storia della lingua italiana, ha studiato all’Università di Copenhagen e ha insegnato lingua e letteratura italiana all’Università svedese di Falun. Da alcuni anni collabora come autore e redattore per riviste e blog, conferenziere e curatore di mostre per l’azienda di servizi per l’archeologia e i beni culturali ABACO Società Cooperativa.