L’opera inedita di Velázquez in mostra al Museo del Prado. E già si prevede il boom di visitatori

Il Ritratto di Filippo III, l’ultima opera attribuita a Velázquez e arrivata a Madrid grazie ad una donazione statunitense, è finalmente svelata al pubblico con una mostra che è già considerata l’evento espositivo della stagione.

Image of the exhibition galleries © Museo Nacional del Prado.
Image of the exhibition galleries © Museo Nacional del Prado.

Il museo del Prado di Madrid ha ben di che festeggiare. A quasi un anno dall’acquisizione dello splendido Ritratto di Filippo III, attribuito recentemente a Diego Velázquez (Siviglia, 1599 – Madrid 1660), il museo spagnolo può finalmente mostrare l’opera al pubblico dopo un meticoloso lavoro di restauro. Un evento di portata epocale atteso da mesi e seguito con la massima attenzione dai media spagnoli. L’opera è arrivata a Madrid grazie ad una proficua collaborazione tra gli Stati Uniti e la Spagna sotto forma di deposito temporaneo. Donata da William B. Jordan, storico dell’americano e noto specialista di pittura spagnola all’associazione non profit American Friends of the Prado Museum, il Ritratto di Filippo III è un’opera cruciale per indagare il lavoro pittorico di Velázquez come ritrattista ufficiale della Corona spagnola. Lungo e complesso il lavoro per arrivare ad attribuire l’opera al maestro spagnolo. Acquistato a Londra da Jordan, il dipinto fu inizialmente catalogato come il Ritratto di don Rodrigo Calderón, secondo l’iscrizione riportata sulla tela. Tale attribuzione non ha mai convinto William B. Jordan che, dopo una serie di studi approfonditi, ha dimostrato che il quadro è stato dipinto da Velázquez durante il suo soggiorno alla corte spagnola.

UN EVENTO DI PORTATA STORICA

Si tratta di una acquisizione importantissima per il museo madrileno che vanta la più importante collezione di arte spagnola del mondo. Proprio per la portata storica dell’evento nulla è stato lasciato al caso e tutto è stato organizzato affinché la mostra diventi l’evento espositivo della stagione, soprattutto per affluenza di pubblico. L’opera di Velázquez è stata collocata nella galleria centrale del museo accanto al dipinto di Tiziano Filippo II che offre la Vittoria all’Infante don Fernando e al Filippo III di Pedro Vidal. Completano il display espositivo altre due opere di Velázquez, Filippo IV in armatura e L’Infante don Carlo, poste in stretto dialogo con il Ritratto di Filippo III proprio per consentire al pubblico di rintracciare similitudini e analogie tra le opere del pittore spagnolo.

– Mariacristina Ferraioli

 

Ritratto di Filippo III di Velázquez
6 giugno 2017 – 29 ottobre 2017
Museo Nacional del Prado
Paseo del Prado, s/n, 28014 Madrid 

https://www.museodelprado.es/

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Mariacristina Ferraioli
Mariacristina Ferraioli è giornalista, curatrice e critico d’arte. Dopo la laurea in Lettere Moderne con indirizzo Storia dell’Arte, si è trasferita a Parigi per seguire corsi di letteratura, filosofia e storia dell’arte presso la Sorbonne (Paris I e Paris 3). Ha conseguito il Master in Organizzazione e Comunicazione delle Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Ha vinto la Residenza per Curatori della Dena Foundation for Contemporary Art presso il Centre International d’Accueil et d’Echanges des Récollets di Parigi. Ha lavorato al Centre Pompidou collaborando alla realizzazione della mostra “Traces du Sacré” e ha pubblicato un testo critico sul catalogo della mostra. Ha coordinato l’ufficio Master dell’Accademia di Belle Arti di Brera e ha curato mostre sia in Italia che all’estero. Redattrice di Artribune, collabora stabilmente con Cosmopolitan Italia, Marie Claire Maison, Le Quotidien de l'Art. Ha conseguito un dottorato in Comunicazione e mercati: Economia, Marketing e Creatività presso l’Università Iulm di Milano, è docente a contratto presso diverse istituzioni e fa parte del team curatoriale di ArtLine, progetto d’arte pubblica del Comune di Milano nel parco di CityLife.