La grafica secondo Rembrandt. In Vaticano

Musei Vaticani, Città del Vaticano – fino al 26 febbraio 2017. Circa cinquanta opere grafiche del maestro di Leida. Un’esposizione realizzata in una sala dell’appartamento di Pio V, creando un dialogo a distanza con l’artista e collezionista Anders Zorn.

Rembrandt Harmenszoon van Rijn, La stampa dei cento fiorini, c. 1648, Acquaforte, puntasecca e bulino, 278 x 388 mm, Zorn Museum, Mora
Rembrandt Harmenszoon van Rijn, La stampa dei cento fiorini, c. 1648, Acquaforte, puntasecca e bulino, 278 x 388 mm, Zorn Museum, Mora

Rembrandt Harmenszoon van Rijn (Leida, 1606 – Amsterdam, 1669), universalmente noto come Rembrandt, oltre ai suoi capolavori pittorici, imperniati su una ricerca che sfida il dato reale e invita alla contemplazione, sorprende anche con la sua vasta opera grafica, attraverso la quale, grazie alle tecniche della puntasecca e dell’acquaforte, restituisce scorci di luce e bianco e nero.
La opere in mostra nei Musei Vaticani, principalmente ritratti e soggetti biblici, provengono dallo Zorn Museum di Mora, in Svezia, e dall’olandese Kremer Collection (come l’unico dipinto presente, Busto di uomo anziano con turbante del 1627 circa). Quasi tutti i lavori sono appartenuti ad Anders Zorn, pittore e incisore nordico che collezionò con ossessione le grafiche del maestro olandese, tanto da arrivare a possederne 169 delle 310 rimaste. In mostra anche tre delle sue opere, fra cui l’Autoritratto con pelliccia di lupo, che svelano il debito dell’artista ottocentesco nei confronti degli autoritratti di Rembrandt.

Calogero Pirrera

Evento correlato
Nome eventoRembrandt in Vaticano. Immagini fra cielo e terra
Vernissage23/11/2016
Duratadal 23/11/2016 al 26/02/2017
Autore Rembrandt
Generearte antica
Spazio espositivoMUSEI VATICANI
IndirizzoViale Vaticano - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Calogero Pirrera
Calogero Pirrera (1979) è uno storico dell’arte specializzato in arte moderna e contemporanea, videoarte, didattica museale e progettazione culturale. Vive attualmente a Roma. Ha collaborato con la cattedra di Istituzioni di Storia dell’Arte della Facoltà di Architettura di Valle Giulia, con alcune gallerie come Il Ponte Contemporanea e LipanjePuntin, oltre che con Festarte – Festival Internazionale di VideoArte, che lo vede impegnato nella mappatura globale dei festival di videoarte con la rubrica “International Contest”. Ha all’attivo alcune pubblicazioni che indagano l’arte antica come quella contemporanea. Tra le mostre curate si ricorda "Il Duomo di Milano dalla Lombardia all’Europa", ospitata presso il Duomo meneghino nel 2005 e il relativo catalogo. Ha scritto e scrive per EosArte, TribeArt e Artribune.

1 COMMENT

  1. Probabilmente il più grande artista di tutti i tempi se sommiamo l’insieme dell’attività pittorica con quella grafica, uno straordinario connubio di genialità e talento.

Comments are closed.