“The Art of Conversation”: la fiera Frieze lancia una serie di talk sull’arte italiana

Il primo appuntamento della serie di conversazioni che la fiera d’arte inglese, insieme a Deutsche Bank, ha lanciato per approfondire i temi legati alla scena creativa italiana si tiene a Venezia, durante i giorni di apertura della Biennale di Venezia 2022

Frieze London
Frieze London

Una serie di incontri attorno ai temi dell’arte, incentrati sullo scenario creativo italiano coinvolgendo istituzioni, artisti e collezionisti del Paese: The Art of Conversation è il nuovo format lanciato dalla fiera d’arte Frieze e dal suo “Global Lead Partner” Deutsche Bank in occasione della 59. Biennale d’Arte di Venezia, iniziativa che si svilupperà per tutto il 2022 toccando, di volta in volta, diverse città italiane. “Nel promuovere un dialogo su alcune delle questioni più attuali dell’arte contemporanea”, spiegano gli organizzatori, “le conversazioni cercheranno anche di creare nuove connessioni e incoraggiare il dibattito”.

“THE ART OF CONVERSATION” DI FRIEZE E DEUTSCHE BANK

“Questa nuova iniziativa rappresenta un’importante estensione del rapporto tra Frieze e Deutsche Bank, poiché per la prima volta lavoriamo insieme al di là delle nostre fiere”, spiega Nathan Clements-Gillespie, direttore di Frieze Masters. “‘The Art of Conversation’ rappresenta anche un ulteriore sviluppo per Frieze, ovvero programmare per la prima volta una serie di eventi in Italia. Siamo desiderosi di incoraggiare il dialogo su alcuni fra i temi di maggiore attualità e credo non ci sia posto più adatto per il lancio di questa serie dell’Ocean Space della TBA-21 Academy a Venezia”. L’iniziativa rappresenta, come sottolinea Roberto Parazzini, Chief Country Officer Italy, Deutsche Bank, un’opportunità per mettere a confronto “alcuni fra i principali artisti ed esperti contemporanei per discutere le questioni più attuali che animano l’arte e la nostra società”.

“THE ART OF CONVERSATION” DI FRIEZE A VENEZIA

Il primo talk sarà dedicato alle due mostre in corso al TBA-21 Academy’s Ocean Space – centro di ricerca con sede nella Chiesa di San Lorenzo a Venezia che promuove “una relazione più profonda con l’oceano attraverso la lente dell’arte per ispirare cura e azione” – entrambe dedicate all’oceano e al suo potenziale narrativo: le personali di Dineo Seshee Bopape – con un focus sulle Isole Salomone, le piantagioni del Mississippi, sulla Giamaica il Sudafrica – e Diana Policarpo con un progetto sulle Ilhas Selvagens, un arcipelago amministrato dal Portogallo nell’Oceano Atlantico del Nord.

https://www.frieze.com/

Eventi d'arte in corso a Venezia

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.