Ordinario straordinario: gli scatti domestici di Silvia Camporesi in mostra a Milano

“Domestica” di Silvia Camporesi, allestita presso la Other Size Gallery di Milano, racconta il lockdown con una serie di fotografie. Dove i confini sono tracciati con il nastro adesivo

Ho fatto dei segni sul pavimento con il nastro adesivo per suggerire alle bambine che lo spazio può essere qualcosa che si estende nella mente, che va oltre i suoi limiti fisici, così abbiamo saltato tutto il giorno da un confine allaltro, cercando isole inventate e immaginando sotto ai nostri piedi enormi squali“.
Silvia Camporesi, Domestica, marzo-aprile 2020

Sarà visitabile fino al 4 marzo alla Other Size Gallery di Milano Domestica, esposizione personale di Silvia Camporesi (Forlì, 1973) a cura di Claudio Composti, dedicata alla serie realizzata durante il lockdown. La galleria al secondo piano di via Maffei è parte integrante del concept più ampio di Workess, che include un ristorante, spazi coworking, un centro medical wellness e, ultimo aggiunto, il 10Keys, un boutique hotel di dieci stanze: un indirizzo che – ci spiega il manager Paul Feakes – propone l’arte all’interno di uno spazio fluido, dove fermarsi per una notte di passaggio a Milano, lavorare, incontrarsi per un caffè, un pranzo o, appunto, per l’inaugurazione di una mostra.

Silvia Camporesi, dalla serie Domestica, 2020. Courtesy Galleria z2o, Roma
Silvia Camporesi, dalla serie Domestica, 2020. Courtesy Galleria z2o, Roma

LA GALLERIA SI TRASFORMA IN UNA CASA

Uno spazio che per Domestica si trasforma con un allestimento d’eccezione in quello di una casa, ricreata tracciando le pareti delle stanze con del nastro adesivo sul pavimento a segnare i limiti di giornate in cui non sembra esserci via di uscita: siamo nei giorni della pandemia, al cortocircuito di uno spazio-tempo chiuso in un’unica dimensione tra quattro pareti, scandito dalla ripetizione continua del quotidiano.
Arrivare a sera con almeno una buona fotografia” diventa per Silvia Camporesi un imperativo categorico, la necessità di trovare una possibilità di esistenza oltre quella angusta del mondo reale: ed è proprio la trasformazione di un difficile vissuto quotidiano – quello domestico di quei giorni, comune a tutti noi – in un percorso creativo e fantastico, il gesto essenziale ed irrinunciabile che salva, trasforma l’ordinario in straordinario, la vita in poesia.

Silvia Camporesi, dalla serie Domestica, 2020. Courtesy Galleria z2o, Roma
Silvia Camporesi, dalla serie Domestica, 2020. Courtesy Galleria z2o, Roma

IL DIARIO DI SILVIA CAMPORESI

Ecco allora la casa prende vita, diventa una scatola magica, spazio della fantasia dove tutto è possibile: una cartina d’Italia si trasforma in un puzzle, un muro scrostato diventa un mare con le isole, un cielo o un lupo, gli avanzi in un piatto si divertono a formare un sorriso.
Scrive Silvia Camporesi nel diario che accompagna queste immagini, raccolte in un libro pieno d’azzurro edito da Postcart : “È passato un altro giorno, unaltra settimana, lagenda non la apro nemmeno più, oggi ci affacciamo agli oblò della porta che dà sul giardino e ci sembra di essere dentro ad una nave”.

Silvia Camporesi, dalla serie Domestica, 2020. Courtesy Galleria z2o, Roma
Silvia Camporesi, dalla serie Domestica, 2020. Courtesy Galleria z2o, Roma

LA STORIA FAMILIARE DIVENTA UNIVERSALE

È in questo gioco tra realtà e finzione che si innesca il meccanismo della fotografia di Camporesi, in cui ogni immagine apre un varco a una storia che contiene un’altra storia e tutte le infinite storie possibili: ci traghetta in un mondo poetico ed evocativo, fatto di momenti che diventano epifanie, visioni e storie immaginate e da immaginare insieme alle sue bambine. Queste immagini di piccolo formato fatte di assenze e mancanze sono allora come frammenti che compongono un omaggio alla fotografia come sguardo attraverso cui ricostruire un’altra visone del mondo, quella che da sempre è sottesa a tutti i lavori di Silvia Camporesi : l’esercizio dell’immaginazione come qualità del pensiero in grado di superare la superficie afona del reale e, anche nella crepa di un piatto, rivelare la meraviglia.

– Emilia Jacobacci

Eventi d'arte in corso a Milano

Evento correlato
Nome eventoSilvia Camporesi - Domestica
Vernissage15/12/2021 ore 18
Duratadal 15/12/2021 al 04/03/2022
AutoreSilvia Camporesi
CuratoreClaudio Composti
Generifotografia, personale
Spazio espositivoOTHER SIZE GALLERY
IndirizzoVia Andrea Maffei 1 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Emilia Jacobacci
Emilia Jacobacci è una storica dell’arte, laureata alla Sapienza di Roma con una tesi sul progetto del MAXXI. Si è poi specializzata in Management dei beni culturali alla Scuola Normale di Pisa e a Milano in Comunicazione multimediale. Scrive di arte contemporanea dal 2001, collaborando con numerose testate tra cui Exibart, Tema celeste, Il Giornale dell’Arte, Flash Art, Arte e Critica. Ha collaborato con il MLAC – Museo Laboratorio dell’Università di Roma La Sapienza e scritto saggi e contributi critici per la collana ArtisticaMENTE e Luxflux-prototype. Per Artribune scrive dal 2012 e attualmente ha ideato e cura la rubrica di interviste di fotografia “Fotosintesi”.