Pittura e paesaggi estremi. Judith Mall e Sylvie Ringer in mostra a Roma

Due pittrici in dialogo serrato tra loro nella cornice della galleria Curva Pura a Roma. Entrambe con un’attrazione per i paesaggi estremi. Scorci impervi, isole vulcaniche, scogli aguzzi. Al cromatismo espressionista dell’una fa da contraltare l’icastico bianco e nero dell’altra

C’è tanta anima nelle visioni pittoriche di Judith Mall (1983; vive ad Amburgo) e Sylvie Ringer (1983; vive ad Amburgo e Vancouver). Le accomuna un’attrazione per le asperità paesaggistiche che si traduce in un vedutismo “negativo”, del silenzio e dei luoghi estremi.
Da una parte ci sono gli scorci impervi dipinti in modo filigranato e con un cromatismo espressionista da Ringer, che paiono tratti da riprese aurorali effettuate coi droni. Dall’altra, le isole vulcaniche, gli specchi d’acqua e gli scogli aguzzi ritratti col carboncino da Mall, caratterizzati da un’insolita icasticità, insieme fotografica e scultorea.

Judith Mall, Sign, charcoal on paper, 30 x 42 cm
Judith Mall, Sign, charcoal on paper, 30 x 42 cm

LA MOSTRA DI MALL E RINGER A ROMA

Particolarmente appaganti tre piccoli pezzi-contrappunto, non esattamente paesaggistici, realizzati da Ringer. Consistono in ermetiche apparizioni minime, come possono esserlo bachi, conchiglie o mini-mandala. Più archetipici che aniconici, incantano per la loro ieratica vividezza, per il fatto cioè di risultare massimamente concreti e insieme irreali.

Pericle Guaglianone

Eventi d'arte in corso a Roma

Evento correlato
Nome eventoJudith Mall / Sylvie Ringer - Memories and Sediment
Vernissage19/01/2022
Duratadal 19/01/2022 al 13/02/2022
AutoriJudith Mall, Sylvie Ringer
CuratoreNicoletta Provenzano
Generiarte contemporanea, doppia personale, disegno e grafica
Spazio espositivoSPAZIO CURVA PURA
Indirizzovia Giuseppe Acerbi, 1/a - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Pericle Guaglianone
Pericle Guaglianone è nato a Roma negli anni ’70. Da bambino riusciva a riconoscere tutte le automobili dalla forma dei fanali accesi la notte. Gli piacevano tanto anche gli atlanti, li studiava ore e ore. Le bandiere erano un’altra sua passione. Ha una laurea in storia dell’arte (versante arte contemporanea) ma è convinto che nessuna immagine sia paragonabile per bellezza a una carta geografica. Da qualche anno scrive appunto di arte contemporanea e ha curato delle mostre. Ha un blog di musica ma è un pretesto per ingrandire copertine di dischi. Appena può si fionda in qualche isola greca. Ne avrà visitate una trentina.