Sic 12 a Roma. Nasce lo spazio per mostre e approfondimenti sull’Art Brut

Tutto sugli artisti fuori dal sistema, magari pazzoidi ma non per questo meno interessanti. Anzi. Nasce a Roma uno spazio che approfondisce un concetto artistico troppo trascurato fino ad oggi in particolare in Italia

Sic 12 a Roma. Nasce lo spazio per mostre e approfondimenti sull’Art Brut
Sic 12 a Roma. Nasce lo spazio per mostre e approfondimenti sull’Art Brut

Uno spazio espositivo di circa 200 metri quadri nel quartiere Ostiense di Roma, un bookshop, un intenso palinsesto di eventi musicali, teatrali, culturali. Tutto questo e un po’ d’altro è SIC 12, il nuovo progetto nato a Roma (per ora associazione culturale, presto fondazione) per diffondere il verbo dell’Art Brut.

COSA È L’ART BRUT

Concetto inventato nel 1945 dal pittore Jean Dubuffet per definire tutta l’arte prodotta al di fuori del sistema da figure molto spesso residenti in ospedali psichiatrici, l’Art Brut è in fase di grande affermazione (anche di mercato) in Europa e nel mondo, non si può dire lo stesso dell’Italia dove al netto di qualche gallerie e qualche sparuta mostra ad alto rischio di malintesi poco si è visto. Pochi sono anche i critici, i curatori, gli studiosi che si occupano di questo genere di produzione creativa.

LA COLLEZIONE GIACOSA FERRAIUOLO

Con questo spirito – ma senza nessun intento commerciale – nasce questa nuova non profit romana che può contare sulla vasta collezione (oltre 700 opere) di Gustavo Giacosa e Fausto Ferraiuolo e sulla loro attività di artisti, musicisti, registi. Lo spazio sarà dunque espositivo (si parte con una mostra della collezione appunto), ma anche performativo e piattaforma di incontri e conferenze senza disdegnare partnership con accademie e università. In questa articolata videointervista Fausto e Gustavo ci raccontano presente e futuro di questa novità.

Eventi d'arte in corso a Roma

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.