Arte color pastello. Mostra-installazione di Nicolas Party a Lugano

Il MASILugano propone una retrospettiva dell’artista svizzero Nicolas Party allestita come un’unica grande installazione. Una scenografica casa/città accoglie i suoi pastelli su tela, acute e suggestive alternative alle tendenze prevalenti.

L’estraneità assoluta dell’opera di Nicolas Party (Losanna, 1980) è il suo punto di forza: a livello di stile, di tecnica e di “spirito”, i suoi quadri spiccano come un momento di originalità inaspettata nel panorama attuale. Lo dimostra la personale che gli dedica il MASILugano, vera e propria installazione “totale” che occupa un intero piano del museo e contiene una gamma rappresentativa di opere. Accolti da due enigmatiche teste giganti, sculture che giocano con il kitsch per risultare raffinate, si entra in una sorta di antro, una scenografia in forma di casa/città che valorizza le opere e insieme le mette in discussione in una dimensione coinvolgente ma anche volutamente artificiosa.
Nelle parti centrali dell’installazione si incontrano i tipici, ieratici e colorati pastelli su tela, nelle “nicchie” laterali quattro opere in bianco e nero e altrettanti dipinti murali danno invece vita a spazi che rimescolano atmosfere postromantiche, surreali, fumettistiche e assieme letterarie.

LO STILE DI NICOLAS PARTY

Nella globalità della costruzione della mostra, la chiarezza del percorso è facilitata dalla suddivisione in generi. Si incontrano paesaggi, ritratti, nature morte nei quali l’uso del pastello è esente da ogni leziosità e crea una pasta che è visiva ma anche tattile e conturbante, ambigua e maliziosa nella sua apparente leggerezza.
Sono opere fatte di allusioni, quelle di Party, ma il referente rimane volutamente vago. Tutto è un pretesto: l’immagine, il recupero dei classici generi pittorici così come il rimescolamento di stili del passato. A quest’ultimo proposito si possono individuare come influenze l’armonia dell’arte classica e del Ritorno all’ordine, il Surrealismo, il Romanticismo: ma sono appigli scivolosi, perché si mescolano in qualcosa che supera la somma delle parti e il semplice paragone non risulta adatto all’interpretazione dell’opera.

Nicolas Party, Rovine, installation view at MASILugano 2021. Photo Annik Wetter © Nicolas Party
Nicolas Party, Rovine, installation view at MASILugano 2021. Photo Annik Wetter © Nicolas Party

ISTINTO E RAGIONE

Il metodo migliore rimane dunque quello di affidarsi a una lettura “istintiva” della mostra, spazzando via le proprie certezze. È così che ci si trova immersi in una serie di stimoli suggestivi: la consistenza delle forme avvolge in una sorta di torpore sensuale, i volti sono raffinati eppure antigraziosi, il paesaggio è una visione lenitiva ma anche minacciosa. I frutti vagamente antropomorfi raffigurati nelle nature morte, poi, rappresentano l’acme dell’ironica sensualità sommessamente diffusa in tutta la mostra.
La dimensione intellettuale riemerge dopo la giostra delle sensazioni: si tratta di opere non esauribili con una lettura di primo grado, che mettono in discussione, oltre ai canoni espressivi, l’idea di verosimiglianza e di affidabilità di ciò che si vede e si crede di poter afferrare. Il velo che, nonostante il coinvolgimento, separa lo spettatore dall’opera è in ultimo anche lo specchio di un’epoca come la nostra improntata alla dimensione virtuale dell’immagine.

Stefano Castelli

Evento correlato
Nome eventoNicolas Party - Rovine
Vernissage26/06/2021 ore 10-20
Duratadal 26/06/2021 al 09/01/2022
AutoreNicolas Party
CuratoriFrancesca Bernasconi, Tobia Bezzola
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoMASI LUGANO LAC
IndirizzoPiazza Bernardino Luini, 6 CH - 6900 - Lugano
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Stefano Castelli
Stefano Castelli (nato a Milano nel 1979, dove vive e lavora) è critico d'arte, curatore indipendente e giornalista. Laureato in Scienze politiche con una tesi su Andy Warhol, adotta nei confronti dell'arte un approccio antiformalista che coniuga estetica ed etica. Nel 2007 ha vinto il concorso per giovani critici indetto dal Castello di Rivoli. Pubblica regolarmente i suoi articoli dal 2007 su Arte, dal 2011 su Artribune e dal 2018 su IL-mensile de Il Sole 24 ore. Collabora anche con Antiquariato. Dal 2004 a oggi ha curato numerose mostre in spazi privati e pubblici, di artisti affermati ed emergenti. Dal 2016 è nel comitato curatoriale del Premio arti visive San Fedele. Nel 2020 ha pubblicato il saggio "Radicale e radicante – Sul pensiero di Nicolas Bourriaud" (Postmediabooks) e tradotto il saggio "Inclusioni" di Nicolas Bourriaud (Postmediabooks).