La lingua delle cose. Maurizio Pellegrin in mostra a Venezia

LA GALLERIA MICHELA RIZZO, MARIGNANA ARTE E LO SPAZIO DELL’ORATORIO DI SAN LUDOVICO DI NUOVA ICONA CELEBRANO IN CONTEMPORANEA L’ARTISTA VENEZIANO DI NASCITA E NEWYORKESE D’ADOZIONE. CON UNA MOSTRA IN TRE CAPITOLI.

Non volevo fare l’artista, volevo diventare un poeta”. Esordisce così Maurizio Pellegrin (Venezia, 1956) al suo ritorno a Venezia dopo l’importante progetto che lo aveva visto protagonista nel 2005, con le sue opere esposte nei principali musei della città lagunare. Non un incipit d’occasione o un tentativo di autosabotaggio, né una provocazione ironica. Basta osservare con attenzione il suo lavoro per accorgersi che in questa dichiarazione c’è di più.

PELLEGRIN FRA SINTASSI E SEMANTICA DELL’OGGETTO

Pellegrin è un viaggiatore curioso, un collezionista onnivoro ma attento alle storie e sensibile alle energie condensate negli oggetti che raccoglie. Le sue installazioni sono ensemble di ninnoli, sottovasi, cimeli curiosi, pezzi di stoffa o abiti dismessi, ingranaggi, gomitoli di filo. Sono combinazioni inaspettate di manufatti di pregio e strumenti d’uso comune, di boutique dell’antiquariato e mercatino delle pulci.
Gli oggetti disposti dall’artista sono come parole all’interno di un testo: la posizione assegnata a ciascun elemento, frutto di un attento studio e di ripetute prove, ne trasmuta l’intrinseco valore. Nella relazione con gli altri l’oggetto supera se stesso, nell’economia di senso del tutto acquisisce un nuovo significato. Proprio come accade nei sette lavori inediti su carta esposti da Marignana Arte, dove lo spazio dell’opera diventa il luogo in cui si intrecciano segni, materiali, elementi e tecniche di varia natura.

Maurizio Pellegrin. The Red, The Black and The Other. Exhibition view at Galleria Michela Rizzo, Venezia 2021
Maurizio Pellegrin. The Red, The Black and The Other. Exhibition view at Galleria Michela Rizzo, Venezia 2021

COLORI E NUMERI NELLE OPERE DI MAURIZIO PELLEGRIN

The Red, The Black and The Other è il titolo della sezione ospitata alla Galleria Michela Rizzo. Un chiaro riferimento alla tavolozza scarna impiegata dall’artista, in cui ciascun colore ha un preciso significato spirituale e rimanda a credenze mistiche, simbologie, consuetudini religiose e sociali.
I lavori sono monocromi neri, rossi, marroni, talvolta bianchi, con rari inserti in oro. È il caso delle due serie simmetriche presentate in mostra Red Venetian Papers e Black Venetian Papers, realizzate da Pellegrin a New York pensando alla sua città natale. Un’operazione che, secondo l’artista, sarebbe stata impossibile a Venezia: è la lucida distanza a permettere di affrontare in modo critico la dicotomia fra proprio e altrui, fra esterno e interno, fra casa e mondo. Gli oggetti si fanno epifenomeni del ritorno, capaci, attraverso la loro interrelazione nel presente, di parlare di ciò che è lontano nel tempo e nello spazio. Anche la numerologia svolge un ruolo centrale nella ricerca dell’artista: ad ogni elemento dell’installazione viene attribuito un valore numerico che ne rappresenta il grado energetico.

Maurizio Pellegrin, 48 Black Venetian Papers, 2020, tecnica mista su carta. Courtesy l’artista & Galleria Michela Rizzo
Maurizio Pellegrin, 48 Black Venetian Papers, 2020, tecnica mista su carta. Courtesy l’artista & Galleria Michela Rizzo

IL SENSO DELLA MISURA PER PELLEGRIN

Lo Spazio dell’Oratorio di San Ludovico di Nuova Icona ospita l’installazione site-specific Also, the Elephants travel to Venice. Come dichiara il curatore del progetto Vittorio Urbani, il lavoro esprime ancora una volta la capacità di Pellegrin di relazionarsi sapientemente con lo spazio, creando un perfetto equilibrio fra pieno e vuoto, fra dimensione dell’opera e del contesto nel quale si inserisce.
L’artista sembra possedere una ciceroniana concinnitas visiva, che investe le cose e la loro rappresentazione. Pellegrin è in effetti un poeta che usa oggetti e immagini al posto delle parole, creando testi altrettanto evocativi, metaforici, aperti. In questo senso non sembra essersi discostato molto dalla sua aspirazione, solo averla realizzata con altri mezzi.

– Irene Bagnara

Eventi d'arte in corso a Venezia

Mostre a Venezia, vai all'elenco completo di eventi d'arte in corso →
Evento correlato
Nome eventoMaurizio Pellegrin - Also the Elephants travel to Venice
Vernissage02/06/2021
Duratadal 02/06/2021 al 31/07/2021
AutoreMaurizio Pellegrin
CuratoreVittorio Urbani
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoNUOVA ICONA
Indirizzo 454 Giudecca - 30133 - Venezia - Veneto
Evento correlato
Nome eventoMaurizio Pellegrin - Gestures: Works on Paper
Vernissage02/06/2021
Duratadal 02/06/2021 al 24/07/2021
AutoreMaurizio Pellegrin
CuratoreVittorio Urbani
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoMARIGNANA ARTE
IndirizzoDorsoduro 141, 30123 - Venezia - Veneto
Evento correlato
Nome eventoMaurizio Pellegrin - The Red The Black and the Other / Kathryn Cameron
Vernissage02/06/2021 ore 18
Duratadal 02/06/2021 al 31/07/2021
AutoriMaurizio Pellegrin, Kathryn Cameron
CuratoreVittorio Urbani
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA MICHELA RIZZO - EX BIRRERIA GIUDECCA
IndirizzoIsola della Giudecca 800Q 30133 - Venezia - Veneto
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Irene Bagnara
Nata a Bassano del Grappa, è laureata in Filosofia a Padova con una tesi sul caso degli indiscernibili in arte fra Kant e Arthur Danto e in magistrale a Torino con una dissertazione di filosofia analitica sulla definizione ontologica ed epistemologica di “opera d’arte”. Ha frequentato a Venezia, dove attualmente lavora, il 26° Corso in Pratiche Curatoriali della galleria A plus A. Particolarmente interessata alla costruzione di una buona teoria filosofica sull’arte contemporanea, è da parecchi anni ormai impegnata nel tentativo, a tratti ossessivo, di rendere ragione della molteplicità degli oggetti artistici e dei delicati, e a tratti singolari, rapporti che caratterizzano il cosiddetto artworld. Ama più leggere che scrivere, più mangiare che cucinare. In ogni caso, li considera tutti e quattro ottimi metodi per conoscere il mondo e soprattutto se stessi.