Ripartono le mostre organizzate dalla Fondazione Furla. Personale di Nairy Baghramian a Milano

Le immagini dell’intervento della artista visiva tedesca, nata in Iran, e per la prima volta in Italia, grazie alla collaborazione di due fondazioni con la GAM di Milano. Ripartono le Furla Series

FURLA SERIES - NAIRY BAGHRAMIAN. Misfits, installation view at GAM – Galleria d’Arte Moderna, Milan. 2021. Exhibition curated by Bruna Roccasalva, promoted by Fondazione Furla and GAM – Galleria d’Arte Moderna, Milan Photo: Nick Ash. Courtesy Fondazione Furla
FURLA SERIES - NAIRY BAGHRAMIAN. Misfits, installation view at GAM – Galleria d’Arte Moderna, Milan. 2021. Exhibition curated by Bruna Roccasalva, promoted by Fondazione Furla and GAM – Galleria d’Arte Moderna, Milan Photo: Nick Ash. Courtesy Fondazione Furla

Con Misfits di Nairy Baghramian, la Fondazione Furla rinnova l’impegno nella promozione dell’arte contemporanea e inaugura il terzo appuntamento di Furla Series, il ciclo di mostre ed eventi ideati e prodotti in collaborazione con le più importanti istituzioni d’arte italiane. Il programma di Furla Series, avviato nel 2017, ha visto avvicendarsi a Milano alcuni tra i più significativi nomi della scena artistica nazionale e internazionale, portando i linguaggi della contemporaneità a rileggere le sedi museali e le collezioni della città, in un reciproco scambio di significati e stratificazioni di pensiero e possibilità. Dopo gli spazi del Museo del Novecento prima e poi di Triennale Milano, il progetto si arricchisce ora del nuovo racconto immaginato dall’artista di origini iraniane per la Galleria d’Arte Moderna di una Milano finalmente primaverile e riaperta alla cultura.

FURLA SERIES - NAIRY BAGHRAMIAN. Misfits, installation view at GAM – Galleria d’Arte Moderna, Milan. 2021. Exhibition curated by Bruna Roccasalva, promoted by Fondazione Furla and GAM – Galleria d’Arte Moderna, Milan Photo: Nick Ash. Courtesy Fondazione Furla
FURLA SERIES – NAIRY BAGHRAMIAN. Misfits, installation view at GAM – Galleria d’Arte Moderna, Milan. 2021. Exhibition curated by Bruna Roccasalva, promoted by Fondazione Furla and GAM – Galleria d’Arte Moderna, Milan
Photo: Nick Ash. Courtesy Fondazione Furla

LA PERSONALE DI BAGHRAMIAN

Curata da Bruna Roccasalva e prima personale di Nairy Baghramian in un’istituzione italiana, Misfits offre uno spazio riflessivo per interrogare, attraverso la scultura, la relazione tra l’oggetto estetico e il contesto istituzionale in cui esso è collocato, e diventa occasione di sintesi di elementi ricorrenti nella ricerca e nella pratica dell’artista. Nata a Isfahan nel 1971 e a Berlino dal 1984, il lavoro di Baghramian indaga, da due decenni, la forma scultorea, la sua fisicità e insieme il potenziale politico ad essa intrinseco, nonché il complesso rapporto che intercorre tra la scultura, il corpo umano, lo spazio e il tempo, i diversi contesti politici e sociali che l’opera d’arte va ad abitare. Ad aprire il percorso espositivo al piano terra della GAM, e a suggerire, anche, l’intento globale del progetto, è Jumbled Alphabet, ritratto fotografico – “scorretto”, suggerisce la curatrice nel testo che accompagna la mostra – di una bambina, una piccola ribelle imbronciata e nient’affatto intenzionata a rispondere in modo conciliante alle aspettative di uno scatto da stereotipo. Cinque sono gli ambienti del museo milanese attraverso cui si snoda un dialogo, giocoso e riflessivo, tra lo spazio interno e lo spazio esterno: un intreccio di forma e di senso tra le decorazioni neoclassiche di Giocondo Albertolli, gli stucchi pastello e i marmi e gli specchi, e il “giardino dei bambini”, il giardino all’inglese di Villa Reale in cui, per regolamento e rovesciamento, agli adulti non è consentito l’accesso, a meno che – a giustificare la loro presenza – non siano accompagnati da un minore.

FURLA SERIES - NAIRY BAGHRAMIAN. Misfits, installation view at GAM – Galleria d’Arte Moderna, Milan. 2021. Exhibition curated by Bruna Roccasalva, promoted by Fondazione Furla and GAM – Galleria d’Arte Moderna, Milan Photo: Nick Ash. Courtesy Fondazione Furla
FURLA SERIES – NAIRY BAGHRAMIAN. Misfits, installation view at GAM – Galleria d’Arte Moderna, Milan. 2021. Exhibition curated by Bruna Roccasalva, promoted by Fondazione Furla and GAM – Galleria d’Arte Moderna, Milan
Photo: Nick Ash. Courtesy Fondazione Furla

LA COLLABORAZIONE CON FONDAZIONE HENRAUX

Proprio a partire da questo specifico contesto, la riflessione di Baghramian trova forma e corpo in grandi sculture in marmo prodotte con il prezioso contributo della Fondazione Henraux e in fusioni in alluminio dipinto e legno, per “intervenire sugli spazi che segnano un confine”, e sceglie il gioco come “dispositivo educativo” , spiega Roccasalva, e come grimaldello concettuale. In un continuo rispecchiamento e dialogo tra i diversi moduli scultorei disposti in modo rarefatto nelle sale e nel giardino, l’artista suggerisce infatti e ripercorre un gioco che tutti abbiamo sperimentato, quello degli incastri tra le diverse forme, che si immagina possano qui avvenire ancora e che invece non funzionano e non funzioneranno. Levigate, curatissime e in colori invitanti, eppure mai puramente decorative, le opere richiamano il contesto e sembrano, al tempo stesso, ordire gentili sgambetti percettivi a uno spettatore-giocatore che non può che esercitarsi, con la serietà che del gioco è propria, ad accettare l’inadeguatezza, l’eventualità dell’errore nelle proprie aspettative.

– Cristina Masturzo

ACQUISTA QUI il libro di Nairy Baghramian

Eventi d'arte in corso a Milano

Evento correlato
Nome eventoFurla Series - Nairy Baghramian
Vernissage26/05/2021
Duratadal 26/05/2021 al 26/09/2021
AutoreNairy Baghramian
CuratoreBruna Roccasalva
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGAM - GALLERIA D'ARTE MAGGIORE
Indirizzovia Manzoni 25 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Cristina Masturzo
Cristina Masturzo è nata a Salerno e vive a Milano. Ha studiato Economia dei beni culturali all'Università di Napoli e Storia dell'arte e della critica d'arte all'Università di Salerno, trascorrendo un periodo di ricerca all'Archivio Luciano Caruso a Firenze. Dopo anni di esperienza professionale in una galleria d'arte contemporanea, ha conseguito il diploma di master in Contemporary Art Markets alla NABA di Milano e trascorso un periodo di internship in Sotheby's Italia. Attualmente collabora con il dipartimento di Arti Visive di NABA e con FM Centro per l’Arte Contemporanea. Particolarmente interessata alle dinamiche del mercato dell'arte contemporanea, segue come freelance progetti di ricerca sul sistema dell'arte e progetti editoriali indipendenti.