Re-Genesis: a Verona un ciclo di mostre del Movimento Arte Etica

Basato sulla “responsabilità sociale dell’arte”, una serie di sette mostre ospitate da ARTantide Gallery si svolgerà fino ai primi mesi del 2022. Il tema centrale è la rinascita, intesa nelle sue numerose sfaccettature morali, civili, politiche e sociali

Mostra Re-Genesis, Verona, installation view
Mostra Re-Genesis, Verona, installation view

Dio, dopo aver creato il mondo, l’universo e tutto quello che c’era da creare si è giustamente riposato; la fatica non era stata di poco conto. Io che non sono Dio, ma solo un comune mortale, ho deciso, in tempi di pandemia, che fosse giunto il momento di reagire e di coinvolgere in questa azione gli artisti del Movimento Arte Etica”, con questi toni scherzosi comincia la presentazione di Sandro Orlandi Stagl, che introduce il Movimento Arte Etica, gruppo di artisti fondato su un senso di responsabilità sociale dell’arte. Prendendo spunto dalla Genesi Biblica, è nato Re-Genesis, un ciclo di mostre che si svolgerà ad ARTantide Gallery a Verona articolandosi in sette appuntamenti, che si alterneranno dal 23 aprile 2021 al 25 febbraio 2022.

RE-GENESIS: IL CICLO DI MOSTRE DEL MOVIMENTO ARTE ETICA

Re-Genesis vedrà la partecipazione di 14 artisti aderenti al Movimento Arte Etica e accostati nelle esposizioni sia per analogia che per contrasto, “dato che, anche nella Genesi, Dio ha creato gli elementi in questo modo: la luce e il buio, il cielo e la terra, la flora e la fauna, Adamo ed Eva, ecc”, spiega il curatore. Il periodo espositivo delle singole mostre, invece, sarà riferito alla sequenza temporale seguita da Dio nella sua creazione, così come scritto nella Bibbia. Saranno esposti lavori di diverso genere tra dipinti, installazioni, fotografie, sculture, disegni, video e performance, accomunati tuttavia dall’unico tema della rinascita, intesa in senso collettivo, sociale, umano. 

RE-GENESIS, PAROLA AL CURATORE

Considero di estrema attualità l’azione del rigenerare, sia in senso sociale, morale, civile e politico, sia a livello di individuo, di gruppo e di società”, afferma Orlandi Stagl, “in senso morale si intende valore di rinascita dello spirito. In senso biologico, si parla di riproduzione e di rinnovamento degli esseri viventi, sia attraverso l’intervento dell’uomo, sia attraverso il miglioramento spontaneo delle specie. In senso tecnologico si intende lo sfruttamento benefico delle risorse del pianeta. In senso della sostenibilità, si intende ciò che riguarda il recupero di tutti i materiali di risulta derivanti dall’alimentazione, dal “consumo” umano e dalla produzione industriale in senso lato. In senso fisico e termodinamico ci si riferisce all’individuazione di sistemi energetici il più possibile naturali e non inquinanti. In senso educativo si intende la messa in atto di nuovi sistemi di apprendimento attraverso l’uso di moderni strumenti di divulgazione”. Ad aprire il ciclo Re-Genesis sono stati Julia Bornefeld e Marco Gradi con Oltre le Tenebre (fino al 28 maggio); seguiranno Matteo Mezzadri e Jorge R. Pombo (4 giugno – 9 luglio 2021); Luigi Dellatorre e Alessandro Zannier (16 luglio – 3 settembre 2021); Marica Moro e Caterina Notte (10 settembre – 8 ottobre 2021); Carlo Bonfà e Alberto Salvetti (15 ottobre – 12 novembre 2021); Marco Bertìn e Carlo Pasini (19 novembre 2021 – 7 gennaio 2022); Gianfranco Gentile e Franco Mazzucchelli (14 gennaio – 25 febbraio 2022).

http://www.artantide.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.