Le mega installazioni autoritratto di Daniele Sigalot. A Malpensa e a Palazzo Tagliaferro

L’artista romano, ex pubblicitario a Londra, è protagonista di 2 monumentali progetti installativi sul legame persone e luoghi: presso il Terminal 1 dell’Aeroporto di Malpensa e a Palazzo Tagliaferro di Andora

A portrait of everyone, everywhere, Daniele Sigalot, 2020, Milano Malpensa. Ph. Williams Tattoli
A portrait of everyone, everywhere, Daniele Sigalot, 2020, Milano Malpensa. Ph. Williams Tattoli

In questo periodo di pandemia, con le conseguenti chiusure e riaperture a singhiozzo di musei e gallerie, c’è una mostra che non ha mai chiuso, anche durante il periodo di lockdown. A cura di Luca Beatrice, la monumentale installazione A portrait of everyone, everywhere (Un ritratto di chiunque, ovunque) di Daniele Sigalot (Roma, 1976) presso l’Aeroporto di Milano Malpensa e realizzata in collaborazione con l’azienda Wetzel&Magistris, con il patrocinio di SEA – Milan Airports e del Comune di Milano, è infatti sempre rimasta aperta al pubblico, anche se non è stata ancora ufficialmente inaugurata.

A portrait of everyone, everywhere, Daniele Sigalot, 2020, Milano Malpensa. Ph. Williams Tattoli
A portrait of everyone, everywhere, Daniele Sigalot, 2020, Milano Malpensa. Ph. Williams Tattoli

DANIELE SIGALOT A MALPENSA

Visibile fino a ottobre 2021 presso il Terminal 1 dell’aeroporto di Milano Malpensa, la mostra è una riflessione sul tema del rapporto tra le persone e i luoghi. La monumentale opera consiste in 12 mappe di 12 città incise al laser su lastre di acciaio lucido e disposte in un cerchio di 35 metri; vengono così trasformate in grandi specchi capaci di coinvolgere e stravolgere l’immagine di chi vi si riflette. In questo modo, l’artista sembra sottolineare come i luoghi dove nasciamo e viviamo ci formino e trasformino costantemente.

Daniele Sigalot, bipolar colors (zzurro_rosso) Ph Credits Giovanna Gilio
Daniele Sigalot, bipolar colors (zzurro_rosso) Ph Credits Giovanna Gilio

I LUOGHI CHE ABITIAMO CI INFLUENZANO E CI TRASFORMANO

Le città dove nasciamo e scegliamo di vivere ci formano e trasformano”, spiega Sigalot che ha al suo attivo mostre internazionali e una passata, intensa, esperienza sul terreno della pubblicità alla Saatchi&Saatchi Londra, per trasferirsi a Berlino e per ultimo a Napoli. “Io sono di Roma, ma ho cominciato a lavorare a Milano, poi ho vissuto a Barcellona, Londra, Berlino ed ora Napoli. Ed ogni città ha contribuito a cambiarmi, sia moralmente che fisicamente. Volevo trasformare questo pensiero in un’opera, e la cosa più semplice, mi è sembrata incidere una mappa su una superficie lucida per poter sovrapporre la topografia di una città ai lineamenti di un volto. E proprio quando questa somma si realizza che l’opera si compie”.

Daniele Sigalot, Quando il soffitto scoprì di non essere più lì, Acciaio lucido, 2021, Ph Credits Giovanna Gilio
Daniele Sigalot, Quando il soffitto scoprì di non essere più lì, Acciaio lucido, 2021, Ph Credits Giovanna Gilio

12 MAPPE DONATE A 12 OSPEDALI ED ENTI CARITATEVOLI

Quando qualcuno si specchia in una di queste lastre, l’immagine che gli viene restituita è, infatti, un caleidoscopio di lineamenti rimodellati e plasmati dalle strade e dagli edifici della città incisa sull’acciaio. “Se la tua immagine corrisponde davvero al tuo ritratto, ne coglierai lo sdoppiarsi, il moltiplicarsi, il frantumarsi in tante possibili identità”, aggiunge il curatore della mostra Luca Beatrice. “Perché se ogni viaggio è sempre diverso, ogni luogo non è mai uguale a se stesso, tantomeno tu che sei entrato nell’opera di Daniele Sigalot permettendole così di vivere anche oggi, anche in questo preciso momento. Basterà, infine, specchiarci nell’opera di Daniele per aver compiuto il viaggio?”. Al termine del periodo espositivo, le 12 mappe saranno donate a 12 ospedali ed enti caritatevoli.

A portrait of everyone, everywhere, Daniele Sigalot, 2020, Milano Malpensa. Ph. Williams Tattoli
A portrait of everyone, everywhere, Daniele Sigalot, 2020, Milano Malpensa. Ph. Williams Tattoli

DANIELE SIGALOT A PALAZZO TAGLIAFERRO

Ma c’è un’altra mostra di altrettante installazioni monumentali, della quale è sempre protagonista Sigalot, che ha appena inaugurato in Liguria, aprendo di fatto la stagione espositiva del Contemporary Culture Center di Palazzo Tagliaferro di Andora. Si tratta di Una Sfida al Nulla, articolata in scenari installativi che coniugano i topoi dell’artista agli stilemi architettonici del palazzo, riproducendone perfino i fregi nei suoi tappeti di capsule medicinali colorate. “Daniele Sigalot si impegna in una puntigliosa ricerca del senso giusto là dove non esiste o non cessa di negarsi”, concludono le curatrici dell’esposizione, Viana Conti e Christine Enrile. “Ogni sua opera, ogni sua mega-installazione, rappresenta un cangiante autoritratto il cui soggetto si interroga senza aspettare alcuna risposta. È forse un gioco assurdo, una sfida al nulla, una sistematica pratica di autonegazione? L’effetto ottenuto, comunque, è quello di far riflettere lo spettatore, su quei valori di fondo che sono venuti a mancare, sulle profonde questioni dell’essere, avvolgendolo in fantasmagorici scenari onirici. I suoi feticci sono oggetti, attitudini, parole, provocazioni al senso dell’esistenza e del far arte”.

ACQUISTA QUI il catalogo della mostra di Daniele Sigalot

Eventi d'arte in corso a Milano

 

Evento correlato
Nome eventoDaniele Sigalot - Una Sfida al Nulla
Vernissage14/05/2021
Duratadal 14/05/2021 al 01/08/2021
AutoreDaniele Sigalot
CuratoriViana Conti, Christine Enrile
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoPALAZZO TAGLIAFERRO - CONTEMPORARY CULTURE CENTER
IndirizzoLargo Milano - Andora - Liguria
Evento correlato
Nome eventoDaniele Sigalot - Un ritratto di chiunque ovunque
Vernissage04/11/2020
Duratadal 04/11/2020 al 31/10/2021
AutoreDaniele Sigalot
CuratoreLuca Beatrice
Generearte contemporanea
Spazio espositivoAEROPORTO MILANO MALPENSA
Indirizzo21010 Ferno - Ferno - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.