90 anni di Negronetto. Le storiche pubblicità del primo salamino tascabile d’Italia

Il prodotto icona di casa Negroni celebra il suo anniversario inaugurando l’Accademia della Stella, un hub per sostenere i giovani talenti che reinterpreteranno i suoi mitici cartelloni pubblicitari. Ecco una carrellata di quelli storici

Negronetto
Negronetto

Compie 90 anni il primo salame brandizzato. La storia racconta che in occasione della fiera di Nizza, Paolo Negroni, figlio di Pietro che nel 1907 fonda a Cremona l’azienda omonima, non potendo offrire ai suoi ospiti il salame affettato a causa dei divieti imposti dalla Francia, inventa un salame tascabile con le stesse caratteristiche qualitative di quello grande. Nasce il Negronetto, il salamino che torna protagonista in questo 2021. Per festeggiare i suoi primi novant’anni, Negroni dà vita all’Accademia della Stella con lo scopo di scoprire, valorizzare e sostenere in questo periodo i giovani talenti del nostro Paese negli ambiti che rappresentano le eccellenze del Made in Italy. In questa prima edizione, saranno partner del progetto: IED – Istituto Europeo di Design, Naba – Nuova Accademia di Belle Arti e Politecnico di Milano – Scuola e Dipartimento di Design. Agli studenti di questi istituti il compito di reinterpretare in chiave attuale un brand che ha fatto la storia nella comunicazione con i suoi cartelloni pubblicitari pionieristici, testimoni del mutare del costume sociale e simboli della narrazione del marchio della Stella e della sua evoluzione nel tempo. Dal suo cartellone più famoso, con protagonista una ballerina ispirata alla soubrette Josephine Baker, vestita solo di fette di salame, a quello realizzato dal mitico disegnatore Jacovitti, fino agli spot su Carosello, dove protagonista di alcuni sketch Negroni è Ugo Tognazzi, il popolare attore della commedia italiana, originario proprio di Cremona, che è stato in gioventù un ex dipendente dell’azienda, ecco una serie di immagini iconiche…

-Claudia Giraud

https://www.negroni.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).