Never Finished: Josef Albers e Giorgio Morandi in dialogo alla galleria Zwirner di New York

“Un classico è un libro che non ha mai finito di dire quel che ha da dire”: si apre con le parole di Italo Calvino la mostra Albers and Morandi: Never Finished, fino al 3 aprile. Ecco il report e le immagini.

 Albers e Morandi Never Finished, David Zwirner New York, ph. Francesca Magnani
 Albers e Morandi Never Finished, David Zwirner New York, ph. Francesca Magnani

Sia Josef Albers (1888–1976) che Giorgio Morandi (1890–1964) sono noti per le elaborazioni di motivi ricorrenti: dal 1950 fino alla sua morte, Albers nella serie Omaggio al quadrato utilizza il formato quadrato per sperimentare infinite combinazioni cromatiche ed effetti percettivi, mentre Morandi, nelle sue intime nature morte e a volte nei paesaggi, esamina la memoria degli oggetti e degli spazi quotidiani. Albers e Morandi: Never Finished mette in dialogo il differente utilizzo del colore, della forma, della morfologia e della serialità. La mostra chiarisce come gli attenti atti quotidiani di durata e devozione dei due artisti abbiano permesso a ciascuno di loro di giungere all’essenza e alla piena comprensione di ogni elemento formale e delle infinite possibilità dei rispettivi motivi visivi.

 Albers e Morandi Never Finished, David Zwirner New York, ph. Francesca Magnani
Albers e Morandi Never Finished, David Zwirner New York, ph. Francesca Magnani

LA MOSTRA DI ALBERS E MORANDI DA ZWIRNER A NEW YORK

Questa intensità estetica condivisa (“fratelli nella perseveranza”, così li chiama il New Yorker), accomuna entrambi e sottolinea la loro profonda dedizione per la forma. Come disse una volta Morandi: “Si può viaggiare per il mondo e non vedere nulla. Per raggiungere la comprensione è necessario non vedere molte cose, ma guardare attentamente ciò che vedi”. Fruire la mostra in presenza è un piacere dopo un anno in cui quasi tutti siamo stati privati della gioia di camminare tra le opere. Per chi non si potesse recare di persona alla mostra, un’altra chicca tutta italiana si trova online sul sito della galleria: si tratta di una passeggiata virtuale per lo spazio di Chelsea in compagnia di una collezionista importante di Morandi, Laura Mattioli (storica dell’arte e fondatrice e presidente del Center for Italian Modern Art di New York) che ci fa dono di un’altra conversazione per metà italiana, quella con David Lieber, socio della galleria e curatore della mostra. Trovate il Virtual Tour a questo link.

-Francesca Magnani

Albers and Morandi: Never Finished
Fino al 3 aprile 2021
Zwirner Gallery, New York
https://www.davidzwirner.com

 

Dati correlati
AutoriJosef Albers, Giorgio Morandi
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesca Magnani
Francesca Magnani scrive e fotografa a New York dal 1997. Ha una formazione accademica in Classics e Antropologia alle università di Bologna, Padova, NYU; racconta con immagini e parole gli aspetti della vita delle persone che la toccano e raggiungono, al contempo raccontando la sua stessa vita.