Ti ricordi la mostra di Henry Moore del 1972? Il museo di Firenze lancia un appello per chi c’era

In occasione della attuale mostra dedicata allo scultore britannico, il Museo Novecento di Firenze lancia una call per raccogliere ricordi e testimonianze dell’esposizione che si tenne nel 1972 al Forte di Belvedere. Il direttore Sergio Risaliti ci ha parlato dell’iniziativa

Henry Moore, Forte di Belvedere, Firenze
Henry Moore, Forte di Belvedere, Firenze

Henry Moore ieri e oggi, esposto a Firenze. In occasione della mostra, in corso fino al 18 luglio 2021 ma attualmente chiusa a causa delle misure anti-Covid, Henry Moore Il disegno dello scultore, il Museo Novecento di Firenze lancia un’iniziativa che si collega alla mostra dello stesso scultore britannico, inaugurata al Forte di Belvedere nel 1972, chiedendo al pubblico che era presente di condividere i propri ricordi per prendere parte a un progetto editoriale e social. 

LA MOSTRA DI HENRY MOORE DEL 1972: COME PARTECIPARE AL PROGETTO

Si può partecipare con una foto, una cartolina, un catalogo – magari autografato dall’artista – o qualsiasi oggetto evocativo di quel momento. È possibile mandare l’immagine scansionata all’indirizzo [email protected], specificando nome, cognome e profilo social (Facebook e/o Instagram). Tutti i ricordi ricevuti saranno condivisi sui profili Facebook e Instagram del museo per tutta la durata della mostra. Le immagini raccolte saranno poi pubblicate in un libro, che verrà presentato al pubblico nel 2022, vero anniversario della mostra di Forte Belvedere. “Il 20 maggio del 1972 inaugurava la grande mostra Henry Moore a Firenze”, raccontano gli organizzatori. “Furono in tantissimi ad affollare gli spalti del Forte di Belvedere e le sale della Palazzina durante i mesi estivi, sfidando il sole a picco. Oltre 345 mila persone. Un numero davvero esorbitante. C’era la principessa Margaret d’Inghilterra, accompagnata dal marito, il Conte di Snowdon, c’erano Giovanni Leone, sesto Presidente della Repubblica Italiana, Edward Heath, allora Primo Ministro inglese, ed ovviamente l’artista, Henry Moore, che aveva seguito di persona l’allestimento delle sue sculture monumentali sulle terrazze affacciate su Firenze”.

LA MOSTRA DI HENRY MOORE DEL 1972. IL COMMENTO DEL DIRETTORE DEL MUSEO

L’idea di lanciare in un momento come questo una open call per raccogliere materiali amarcord nasce da una duplice esigenza: da un lato, quella di avvicinare, in una sorta di moderna corrispondenza, il pubblico al museo, ad oggi impossibilitato a recarsi fisicamente nelle sale che ospitano la mostra dedicata al disegno di Henry Moore”, spiega il direttore del Museo Novecento Sergio Risaliti, “dall’altro, vi è la volontà di creare un ponte tra le generazioni, nato in modo del tutto spontaneo proprio dall’incontro di chi, testimone dell’epoca, si reca al museo per rivivere quell’emozione e chi, tra i giovani, viene a verrà a vedere dal vivo i disegni di ossa, teschi, alberi e animali”, conclude, “fonti di ispirazione del celebre scultore britannico”.

– Giulia Ronchi

Evento correlato
Nome eventoHenry Moore - Il disegno dello scultore
Vernissage18/01/2021 no
Duratadal 18/01/2021 al 22/08/2021
AutoreHenry Moore
CuratoriSergio Risaliti, Sebastiano Barassi
Generipersonale, arte moderna
Spazio espositivoMUSEO NOVECENTO
Indirizzopiazza Santa Maria Novella 10 50123 - Firenze - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Ha collaborato con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne.