Il disegno performativo di Marco Emmanuele. A Roma

Casa Vuota, lo spazio espositivo domestico di Roma, presenta la mostra di Marco Emmanuele. Una grande e snodabile macchina per disegnare invade l’appartamento di Via Maia 12, dove l’accento è posto non tanto sul risultato finale, quanto sulle riflessioni che innesca il processo del disegno.

Il disegno può diventare una performance condivisa e collettiva? Con Marco Emmanuele (Catania, 1986) e la sua Drawing Machine #8, sì! Stiamo parlando di una macchina costruita ad hoc per abitare le stanze di Casa Vuota, dotata di bracci metallici e snodabili che entrano in funzione solo grazie all’interazione con il pubblico. Insomma, lo spazio diventa un’incubatrice di segni “dove direttamente nascono grazie all’interazione tra artista, macchina e pubblico, così parlano i curatori Francesco Paolo Del Re e Sabino de Nichilo.
L’energia e il segno di ogni singolo soggetto chiamato a partecipare si uniscono in un coro eterogeneo di punti e linee. Questo dispositivo meccanico, il più complesso mai realizzato ‒ #8, appunto ‒ diventa per la prima volta protagonista di una mostra, dove l’arte del disegno si fa veicolo di esperienze e legami celati dietro semplici tratti neri su foglio bianco, esposti successivamente sulle pareti dello spazio, proprio come in una quadreria.

Valentina Muzi

Evento correlato
Nome eventoDrawing Machine #8 - Marco Emmanuele
Vernissage31/10/2020
Duratadal 31/10/2020 al 31/12/2020
AutoreMarco Emmanuele
CuratoriSabino de Nichilo, Francesco Paolo Del Re
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoCASA VUOTA
Indirizzovia Maia 12 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Muzi
Valentina Muzi (Roma, 1991) è diplomata in lingue presso il liceo G.V. Catullo, matura esperienze all’estero e si specializza in lingua francese e spagnola con corsi di approfondimento DELF e DELE. La passione per l’arte l’ha portata a iscriversi alla Facoltà di Studi Storico-Artistici dell’Università di Roma La Sapienza, laureandosi in Storia dell’Arte Contemporanea e svolgendo il tirocinio formativo presso il MLAC - Museo e Laboratorio di Arte Contemporanea dell’Ateneo, parallelamente ha frequentato un Executive Master in Management dei Beni Culturali presso la Business School del Sole24Ore di Roma. Dal 2016 svolge attività di PR, traduzione di cataloghi, stesura di testi critici e curatela indipendente. Dal 2017 svolge l’attività di giornalista di taglio critico e finanziario per riviste di settore. Attualmente è membro del Board Strategico presso l’Associazione culturale Arteprima noprofit, nella stessa ha svolto il ruolo di Social Media Manager ed è Responsabile organizzativa della piattaforma Arteprima Academy.