Aria Days: parte la collaborazione tra Manifattura Tabacchi e Palazzo Strozzi. In nome di Saraceno

Con la riapertura della mostra di “Tomàs Saraceno. Aria” a Palazzo Strozzi torna fruibile lo spazio dedicato all’arte contemporanea alla Manifattura Tabacchi con l’iniziativa aria days dall’11 al 13 settembre 2020

Tomás Saraceno. Aria. Exhibition view at Palazzo Strozzi, Firenze 2020
Tomás Saraceno. Aria. Exhibition view at Palazzo Strozzi, Firenze 2020

La ricerca di Tomàs Saraceno mette insieme questioni sociali, ambientali e scientifiche creando opere dall’estetica elegante e sopraffina. I lavori dell’artista, esposti attualmente a Palazzo Strozzi, offrono un richiamo alle responsabilità dell’uomo nel preservare un pianeta ormai gravemente compromesso. Ma come è possibile cambiare le nostre cattive abitudini oggi? Sicuramente è necessario avere maggior consapevolezza del mondo che ci circonda, immaginando nuovi e possibili scenari ecosostenibili. Tutto questo corrisponde, nell’opera dell’artista argentino residente in Germania, alla filosofia dell’Aerocene, una ricerca interdisciplinare in costante crescita, formata da una comunità diversificata di persone che collaborano per promuovere una nuova sensibilità grazie ad esperimenti partecipativi. Questi, in occasione della mostra, avranno luogo presso la Manifattura Tabacchi dall’11 al 13 settembre 2020 sotto il nome di Aria Days.

ARIA DAYS: 3 GIORNATE APERTE AL PUBBLICO PER AEROCENE FLIGHTS

Aerocene Flights è parte integrante del Fuorimostra di Palazzo Strozzi. Si svolgerà presso Manifattura Tabacchi (in collaborazione con l’Aerocene Foundation), spazio complementare di ricerca e laboratorio. Qui si approfondirà la filosofia dell’Aerocene tra proiezioni video, attività, pubblicazioni e workshop. Inoltre, gli spazi ex industriali siti nella periferia fiorentina si trasformeranno in vere e proprie rampe di lancio da cui prenderanno il volo le sculture ecologiche dell’artista, levandosi grazie alla sola forza del calore emanato dal Sole e delle radiazioni infrarosse sprigionate dalla Terra, liberandosi così dall’uso smisurato di combustibili fossili, batterie e motori. In questo modo le Aerocene Sculptures rappresentano la metafora di un futuro ecosostenibile, dove elementi semplici come aria, calore e cooperazione tra individui si pongono come basi solide su cui ripensare la nostra esistenza nel pieno rispetto del pianeta.

IL FUTURO DELLA MANIFATTURA TABACCHI

Con questo progetto la Manifattura Tabacchi di Firenze conferma la propria missione di spazio di sperimentazione e innovazione. Residenze d’artista, spazi indipendenti, laboratori e mostre costituiscono l’ossatura di un nuovo approccio al contemporaneo di cui Manifattura Tabacchi vuole essere protagonista, restituendo alla città un polo rigenerato e dinamico tra rassegne, festival e iniziative all’interno del grande format Not a Museum. Quella tra la Factory e Palazzo Strozzi è una collaborazione di notevole importanza, capace di realizzare un ponte interconnesso tra il centro storico e la periferia, tra rinascimento e contemporaneo, basandosi su uno scambio di intenti delle due istituzioni generando valore per e con la città.

Valentina Muzi

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Muzi
Valentina Muzi (Roma, 1991) è diplomata in lingue presso il liceo G.V. Catullo, matura esperienze all’estero e si specializza in lingua francese e spagnola con corsi di approfondimento DELF e DELE. La passione per l’arte l’ha portata a iscriversi alla Facoltà di Studi Storico-Artistici dell’Università di Roma La Sapienza, laureandosi in Storia dell’Arte Contemporanea e svolgendo il tirocinio formativo presso il MLAC - Museo e Laboratorio di Arte Contemporanea dell’Ateneo, parallelamente ha frequentato un Executive Master in Management dei Beni Culturali presso la Business School del Sole24Ore di Roma. Dal 2016 svolge attività di PR, traduzione di cataloghi, stesura di testi critici e curatela indipendente. Dal 2017 svolge l’attività di giornalista di taglio critico e finanziario per riviste di settore. Attualmente è membro del Board Strategico presso l’Associazione culturale Arteprima noprofit, nella stessa ha svolto il ruolo di Social Media Manager ed è Responsabile organizzativa della piattaforma Arteprima Academy.