Tre mostre (e un’anteprima) da non perdere a Roma

Quattro mostre da vedere nella Capitale, ospiti di altrettante gallerie, che riemergono dal lockdown con proposte da tenere d’occhio.

Il mondo della cultura riparte a pieno regime dopo il lungo stop imposto dall’emergenza Coronavirus. Non solo i musei pubblici, ma anche le gallerie private sono pronte ad accogliere i visitatori con proposte che vanno dagli artisti affermati a quelli emergenti. Ne abbiamo selezionate quattro.

Niccolò Lucarelli

1. STANLEY WHITNEY – GAGOSIAN

Stanley Whitney, Bertacca 2, 2019 © Stanley Whitney. Courtesy Gagosian. Photo Giorgio Benni

In attesa della mostra di settembre, un’anteprima di tre opere di Stanley Whitney (Philadelphia, 1946), tutte prodotte in paesino nei pressi di Parma, dal quale prendono il nome: la Bertacca Series è declinata secondo le note colorate del free jazz e gli stilemi dell’Espressionismo astratto. La cifra classica della griglia colorata, arricchita di cadenze di colore, ritmo e nuove prospettive spaziali, ha portato Whitney a essere uno dei maestri indiscussi dell’astrattismo contemporaneo.

2. METAFORAMORFOSES – DOROTHY CIRCUS GALLERY

Rafael Silveira, Naturae Introspectae, 2019. Courtesy Dorothy Circus Gallery

Metaforamorfoses: un gioco di parole portoghese che unisce la metafora e la metamorfosi. E il ciclo pittorico di Rafael Silveira (Paranaguà, 1978) riflette sul potere che le trasformazioni hanno di modificare non soltanto gli aspetti esteriori della vita, ma anche e soprattutto quelli legati all’interiorità. Il realismo magico della letteratura sudamericana caro a García Márquez e Coelho, si lega a una pluralità di richiami artistici, da Hieronymus Bosch a Salvador Dalí e persino Philip Guston; piante, animali, corpi umani, elementi naturali s’incontrano e si fondono dando vita a bizzarre creature che sono altrettanti simboli di un animo umano sospeso fra la memoria e l’idea della vita come gioco, scontro, lacerazione. Una mostra ironica e inquietante insieme, in cui la natura è specchio dell’imprevedibilità delle vicende della vita, e nel suo metaforico incastrarsi nel corpo umano costruisce estetiche fughe nella fantasia.

3. LOVERS AFTER LIFE – GALLERIA RICHTER FINE ART

Katarina Janeckova, Untitled, 2020. Courtesy Richter Fine Art. Photo Giorgio Benni

Doppia personale nel segno dell’affettività metabolizzata dall’io interiore, del potere dell’immaginazione nel far vivere realmente situazioni altrimenti inafferrabili nel momento in cui si verificano. Alla base del ragionamento c’è la noesi, ovvero l’atto d’intelletto platonico che, attraverso l’anima, permette di raggiungere le idee. Katarina Janeckova e Jay Miriam trasportano sulla tela l’Iperuranio, sporcandone però la perfezione con le tinte della nostra caotica contemporaneità.
Janeckova amplifica la relazione affettiva unendo il punto di vista umano a quello animale, in opere neo-espressioniste dove i corpi sembrano danzare immersi in scenari surreali. Leggende medievali, bestiari, fantasie freudiane danno vita a sensazioni più intense della realtà stessa. Miriam evoca la solitudine e l’autoerotismo come celebrazione della morte, richiamando le atmosfere delle poesie di Anne Sexton. Quell’amore irraggiungibile in vita e con gli altri si rafforza da soli e dopo la morte.
Una mostra che è una riflessione artistica sul post-romanticismo degli Anni Settanta-Novanta, fra istanze femministe e culto del neodecadentismo.

4. RESILIENZA – GALLERIA LA NICA

Gianna Parisse, Senza titolo (dettaglio), 2019. Courtesy Galleria La Nica

Nove artisti, italiani e stranieri, si interrogano sull’esperienza della quarantena, che limitandoli nei contatti e nei movimenti ha causato loro anche l’impossibilità di lavorare con i materiali usuali. In questi mesi sono dunque nate opere nuove, ispirate dall’emergenza della situazione; i risultati di quella volontà di resistere, di adattarsi alle circostanze, di essere appunto resilienti, vengono adesso messi a confronto in questa interessante collettiva dai molteplici linguaggi, che va dalla pittura astratta di Gianna Parisse ai pastelli dal sapore antico di Veronica Azzinari, dai ritratti manipolati di Flavio Orlando alla scultura tecnologica di Jacopo Truffa (stampa 3D in filo di mais). L’arte di per sé implica sempre il mettersi in gioco, in questi ultimi mesi ha richiesto uno sforzo ulteriore, e sono nate opere sperimentali, talvolta spiazzanti, ma da cui scaturisce sempre una potente forza comunicativa. Una mostra dai differenti linguaggi che racconta la vitalità dell’arte.

Evento correlato
Nome eventoStanley Whitney
Vernissage03/06/2020 no
Duratadal 03/06/2020 al 31/07/2020
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGAGOSIAN GALLERY
IndirizzoVia Francesco Crispi 16 - Roma - Lazio
Evento correlato
Nome eventoRafael Silveira - Metaforamorfoses
Vernissage25/06/2020 no
Duratadal 25/06/2020 al 25/07/2020
AutoreRafael Silveira
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoDOROTHY CIRCUS - GALLERY
IndirizzoVia Dei Pettinari 76 - Roma - Lazio
Evento correlato
Nome eventoKatarina Janeckova Walshe / Jay Miriam - Lovers After Life
Vernissage16/06/2020 no
Duratadal 16/06/2020 al 18/09/2020
AutoriKatarina Janeckova Walshe , Jay Miriam
Generiarte contemporanea, doppia personale
Spazio espositivoRICHTER FINE ART
Indirizzovicolo del Curato, 3 - Roma - Lazio
Evento correlato
Nome eventoResilienza
Vernissage16/06/2020 no
Duratadal 16/06/2020 al 18/07/2020
CuratoriCristina Liscaio, Maria Vittoria Marchetta
Generiarte contemporanea, collettiva
Spazio espositivoGALLERIA LA NICA
IndirizzoVia dei Banchi Nuovi 22 - 00186 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Niccolò Lucarelli
Laureato in Studi Internazionali, è curatore, critico d’arte, di teatro e di jazz, e saggista di storia militare. Scrive su varie riviste di settore, cercando di fissare sulla pagina quella bellezza che, a ben guardare, ancora esiste nel mondo.