Christo impacchetta l’Arco di Trionfo di Parigi. Le immagini dei bozzetti

I disegni sono stati messi in vendita alla fiera Brafa di Bruxelles, svoltasi a fine gennaio 2020: dieci grandi dipinti e disegni preparatori dell’artista bulgaro aspettando l’evento-installazione di settembre al celebre monumento di Parigi. Ecco le immagini

BRAFA2020 Christo L'Arc De Triomphe Wrapped Guy Pieters_Photo André Grossmann © 2019 Christo
BRAFA2020 Christo L'Arc De Triomphe Wrapped Guy Pieters_Photo André Grossmann © 2019 Christo

C’è grande attesa per la mega installazione di Christo (Bulgaria, 1935) all’Arco di Trionfo di Parigi, prevista per settembre: il celebre monumento, inaugurato nel 1836, sarà infatti ricoperto da 25mila mq di polypropylene. Ma è già possibile farsi un’idea di quello che si vedrà grazie a una gustosa anteprima. Lo scorso gennaio 2020 al BRAFA di Bruxelles – una delle fiere d’arte più longeve del mondo e più amata dalle gallerie italiane di arte antica e moderna, svoltasi dal 26 gennaio al 2 febbraio al Tour&Taxis della capitale belga – sono stati messi in mostra alcuni dei suoi lavori preparatori. Ad ospitarli lo stand della galleria di Knokke del belga Guy Pieters, uno dei pochi galleristi che lavorano con Christo da molto tempo, che ha esposto (con vendite tra 600mila e 1 milione di Euro) dieci grandi dipinti e disegni preparatori per l’evento-installazione all’Arco di Trionfo. In collaborazione con il Centre des monuments nationaux (CMN) e il Centre Pompidou, Christo realizzerà a Parigi una delle sue opere temporanee, L’Arc de Triomphe empaqué (Progetto per Parigi, Place de l’Étoile-Charles de Gaulle), che sarà visibile per 16 giorni, da sabato 19 settembre a domenica 4 ottobre 2020. Richiederà 25mila metri quadrati di tessuto riciclabile in polipropilene blu-argento e 7mila metri di corda rossa: un progetto a cui Christo pensava fin dagli anni ’60 con la sua compagna di vita Jeanne scomparsa nel 2009. In attesa di vederlo dal vivo, ecco le immagini dei bozzetti…

– Claudia Giraud 

www.brafa.art

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).