Semplicemente uomini. Una collettiva a Macerata

GABA.MC ‒ Galleria dell’Accademia di Belle Arti di Macerata ‒ fino al 19 settembre 2019. Numerose le firme, prezioso il contenuto: il piccolo capoluogo di una regione in cui esiste una diffusa, ma non roboante, attitudine alla produzione artistica, conferma il suo ruolo di baricentro culturale con una eclettica mostra estiva.

Nel panorama culturale nazionale, Macerata c’è. C’è ad esempio con l’attenzione per la musica lirica e la canzone d’autore, e non è raro che per le vie della città si aggiri un pubblico colto e appassionato. Per questo merita eventi culturali e stagioni espositive di spessore, e il lavoro curatoriale svolto da Antonello Tolve negli spazi pubblici dell’Accademia di Belle Arti, dove egli stesso insegna, è giusto e opportuno.
Sebbene il titolo lo lasci pensare, Men non è una mostra tematica, non ha intenti di sensibilizzazione sociale o di polemica politica, è piuttosto una ricognizione sullo stato dell’arte oggi in Italia; in continuità con la mostra dell’anno scorso, Women, è composta da una cinquantina di nomi maschili dal Novecento a oggi, da uno storicizzato Vettor Pisani al debuttante Luca Cerioni. La selezione si avvale della collaborazione di note gallerie e fondazioni italiane e ha un forte valore documentario e pedagogico, importantissimo sia per la città che per gli stessi studenti dell’Accademia, in grado così di avvicinarsi al linguaggio del presente nel loro contesto di riferimento.

Valeria Carnevali

Evento correlato
Nome eventoMen Only Men Simply Men
Vernissage21/06/2019 ore 18
Duratadal 21/06/2019 al 19/09/2019
CuratoreAntonello Tolve
Generiarte contemporanea, collettiva
Spazio espositivoGABA.MC - GALLERIA DELL'ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI MACERATA
IndirizzoPiazza Vittorio Veneto 7 - Macerata - Marche
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valeria Carnevali
Sempre attratta dalle forme della cultura contemporanea come espressione delle dinamiche umane, in una prima vita ho vissuto e lavorato a Milano per inseguire da vicino l’evolversi del presente, collaborando con gallerie, spazi espositivi ed editori specializzati in arte e attualità. Dal 2007 ho stabilito una nuova dimensione nella natura montana del centro Italia, occupandomi di didattica, educazione e formazione delle generazioni più giovani e viaggiando il più possibile. Conduco una vita raminga tra l’Appennino umbro-marchigiano e l’Oceano Atlantico, trovata nella città di Lisbona una seconda casa dal 2017. Sono convinta che l’educazione estetica, all’arte e attraverso l’arte, sia una chiave fondamentale di sviluppo del pensiero critico e della coesistenza democratica. Scrivo per Artribune dal 2012.