Trasparenze beckettiane. Ian Kiaer a Firenze

BASE / Progetti per l’arte, Firenze ‒ fino al 20 settembre 2019. A dieci anni dalla personale alla GAM di Torino e a otto dalla partecipazione alla Biennale di Venezia, l’artista britannico Ian Kiaer torna in Italia con una mostra site specific per lo spazio fiorentino.

Lastre di plexiglas, Samuel Beckett, l’architettura; tre idee assai distanti, unite però dal concetto di vicinanza. Così Ian Kiaer (Londra, 1971) ‒ con un allestimento diffuso ed etereo ‒, imposta la mostra fiorentina, suddivisa in due momenti. Pieni e vuoti, trasparenze, rifrazioni, luci e ombre caratterizzano un allestimento di poche opere, fra loro molto diverse, eppure legate da poetica armonia.
In apertura, un plastico architettonico in scala, ispirato agli edifici industriali di de Bretteville, ma tuttavia più claustrofobico; una struttura sperimentale, affiancata da un cellophane giallo che avvolge un registratore con le parole di Beckett tratte dall’altrettanto claustrofobico racconto Ping. Nella seconda sala, lastre in plexiglas provenienti da ex edifici industriali racchiudono frasi tratte dal medesimo racconto, dipinte su carta.
Kiaer immagina un ideale spazio bianco, un “museo” dove chi è dentro quasi si dissolve sotto gli sguardi dall’esterno, in una vicinanza senza soluzione di continuità.

Niccolò Lucarelli

Evento correlato
Nome eventoIan Kiaer - Ping, murmer
Vernissage27/06/2019 ore 18
Duratadal 27/06/2019 al 20/09/2019
AutoreIan Kiaer
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoBASE - PROGETTI PER L'ARTE
IndirizzoVia Di San Niccolò 18R - Firenze - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Niccolò Lucarelli
Laureato in Studi Internazionali, è curatore, critico d’arte, di teatro e di jazz, e saggista di storia militare. Scrive su varie riviste di settore, cercando di fissare sulla pagina quella bellezza che, a ben guardare, ancora esiste nel mondo.