Giorgio Morandi in mostra a Bilbao. Il Guggenheim getta nuova luce sull’arte del pittore italiano

La mostra al Guggenheim Museum di Bilbao è la prima a sottolineare l’influenza chiave delle scuole spagnole, bolognesi e francesi dei secoli XVI, XVII e XVIII nel lavoro del grande artista noto per i dipinti di bottiglie

Giorgio Morandi, Natura morta, 1936, Fondazione Magnani Rocca, Mamiano di Traversetolo (Parma), Italy © Giorgio Morandi, VEGAP, Bilbao, 2019
Giorgio Morandi, Natura morta, 1936, Fondazione Magnani Rocca, Mamiano di Traversetolo (Parma), Italy © Giorgio Morandi, VEGAP, Bilbao, 2019

La pittura di Giorgio Morandi (Bologna, 1890–1964) è la quintessenza della figurazione e la mostra appena inaugurata al Guggenheim Museum è la prima a gettarvi nuova luce, sottolineando l’influenza che sulla sua opera hanno avuto gli antichi maestri spagnoli (El Greco, Francisco de Zurbarán), bolognesi (Giuseppe Maria Crespi, Pietro Longhi) e francesi (Jean Siméon Chardin).
Le tre sezioni espositive mettono infatti in dialogo i dipinti di Morandi e quelli dei maestri del passato, evidenziando le qualità preminenti che l’artista bolognese ha assorbito da tali precursori: la teatralità della pittura spagnola del XVII secolo, il naturalismo del Seicento italiano, l’intimità e la geometria di Chardin. Il pubblico potrà scoprire come Morandi ammirasse e prendesse spunto dai fiori di El Greco, traesse ispirazione dall’uso della luce da parte di Zurbarán per evocare la forma, si concentrasse sui minimi dettagli delle composizioni di Crespi e dei castelli di carte di Chardin. Il Museo Morandi di Bologna collabora con un prestito di quindici opere di Giorgio Morandi: otto dipinti (sei nature morte e due fiori) e sette nature morte realizzate con la tecnica dell’acquaforte. A queste si aggiungono cinque lavori di antichi maestri (tele di Giuseppe Maria Crespi, Pietro Longhi e Jacopo Bassano) appartenenti alla collezione di Morandi e di norma conservati a Casa Morandi, in via Fondazza 36 a Bologna. Ecco le immagini…

– Claudia Giraud

Bilbao // fino al 6 ottobre 2019
A Backward Glance. Giorgio Morandi and the Old Masters
Guggenheim Museum
Abandoibarra Etorb., 2
www.guggenheim.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).

LEAVE A REPLY