Al Tefaf di Maastricht la Galerie Gmurzynska porta un progetto firmato dal designer Tom Postma

Sonia Delaunay, Picasso, Matta, Dubuffet, Schwitters, van Doesburg: tutti gli autori di inizio secolo in un progetto firmato dal designer Tom Postma. Le immagini

Sonia Delaunay, Zenith, 1913
Sonia Delaunay, Zenith, 1913

Dopo 17 anni, la svizzera Galerie Gmurzynska torna a far parte del programma della fiera TEFAF di Maastricht: in prima linea le opere dei maestri dell’Astrattismo dagli anni ’10 agli anni ‘60, raccolti in un ambiente espositivo firmato dal designer Tom Postma. Fiore all’occhiello della galleria è Zenith di Sonia Delaunay, uno dei primi esperimenti di integrazione della tipografia nell’arte, di quasi mezzo secolo in anticipo sulla Pop Art; seguono i lavori di Pablo Picasso, Joan Miró, Roberto Matta, Wifredo Lam, Jean Dubuffet e Kurt Schwitters. Particolarmente interessante, invece, è il confronto e dialogo tra il capostipite del movimento De Stijl, Theo van Doesburg, con i pittori Bart Van der Leck e Fernand Léger. Un’esposizione che lancia riferimenti continui tra arte e design: “rendendo omaggio alla ricca materialità degli interni degli inizi del XX secolo, il concept studiato per lo stand TEFAF di Maastricht 2019 della Gmurzynska Gallery si concentra sull’uso di materiali sontuosi e linee pulite”, spiega Tom Postma. “La stratificazione dello spazio espositivo crea inoltre un’atmosfera sofisticata e contemporanea: un’elegante scenografia in cui le opere d’arte sono al centro dell’attenzione. Il nostro team parte dall’idea che l’architettura non dovrebbe mai competere con l’arte; dovrebbe, piuttosto, completarla”. Le immagini.

– Giulia Ronchi

Galerie Gmurzynska, booth #404
16 marzo 2019 – 24 marzo 2019
TEFAF Maastricht
Forum 100, 6229 GV Maastricht
The Netherlands
www.tefaf.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Attualmente collabora con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne. Cura la rubrica “Le curatrici donne più influenti nel mondo” per Marie Claire e “Storie d’amore nella storia dell’arte” per Elle.