Tutto Arshile Gorky a Venezia. A Ca’ Pesaro prima retrospettiva italiana con 80 opere

A maggio arriva per la prima volta in Italia una mostra completa su un artista chiave dell’arte americana del XX secolo, tra i principali protagonisti nello sviluppo del movimento dell’Espressionismo Astratto

The Limit, 1947, Arshile Gorky © 2018 The Arshile Gorky Foundation Artists Rights Society (ARS), New York
The Limit, 1947, Arshile Gorky © 2018 The Arshile Gorky Foundation Artists Rights Society (ARS), New York

In vista della Biennale di Venezia, è in arrivo a Ca’ Pesaro un’importante mostra dedicata ad Arshile Gorky (Lago Van, Anatolia Ottomana, attuale Turchia, 1904 – Sherman, Connecticut, Stati Uniti, 1948): si tratta della prima retrospettiva italiana su questo artista considerato una delle figure chiave dell’arte americana del XX secolo, tra i principali protagonisti nello sviluppo del movimento dell’Espressionismo Astratto, tale da influenzare molti altri artisti, a partire da Willem de Kooning. Per l’occasione, giungono negli spazi seicenteschi della Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Venezia 80 opere in prestito dai più prestigiosi musei internazionali (la Tate di Londra, la National Gallery of Art di Washington DC, il Whitney Museum of American Art di New York, il Centre Pompidou di Parigi, Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid, l’Israel Museum di Gerusalemme) per documentare tutte le tappe della sua straordinaria carriera. Dai primi lavori degli Anni Venti, in cui il suo approccio alla pittura è fortemente connotato dal rapporto con le composizioni di Cézanne, passando per i punti più alti del suo studio da autodidatta dei maestri e dei movimenti moderni, fino ad arrivare alla fase in cui tutti questi stimoli confluiscono in una visione potente e singolarissima. Una visione che il poeta surrealista André Breton definì “ibrida”, riconoscendo la complessità con cui Gorky evocava il mondo naturale, unendolo a una moltitudine di memorie personali e influenze diverse. Ecco le immagini.

– Claudia Giraud

Evento correlato
Nome eventoArshile Gorky: 1904-1948
Vernissage07/05/2019 ore 12 anteprima stampa su invito
Duratadal 07/05/2019 al 22/09/2019
AutoreArshile Gorky
CuratoriGabriella Belli , Edith Devaney
Generearte moderna
Spazio espositivoGALLERIA INTERNAZIONALE D'ARTE MODERNA DI CA' PESARO
IndirizzoSanta Croce, 2076 30135 - Venezia - Veneto
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).