Nasce Ducato Prize. Tra Parma e Piacenza, un premio per artisti senza età e studenti

Prima edizione del Premio che nasce tra le province di Parma e Piacenza, in quel che fu il Ducato dei Farnese, per sensibilizzare il territorio all’arte contemporanea. Mostra finale? In un antico borgo medievale

palazzodelpodesta
palazzodelpodesta

Promuovere un dialogo tra l’arte contemporanea e il territorio del ducato di Parma e Piacenza. È questo l’obiettivo del neonato Ducato Prize, istituito dall’associazione culturale Coil Art Motive. “DucatoPrize nasce dall’esigenza di portare in Val D’Arda un evento rivolto all’arte contemporanea”, spiegano i promotori del bando ad Artribune. “Allo stesso tempo vorremmo che fosse un momento di valorizzazione e visibilità per il lavoro degli artisti contemporanei e un’occasione di studio delle loro ricerche da parte dei giurati”. Il premio nasce, infatti, tra le province di Parma e Piacenza, in quel che fu il Ducato dei Farnese, luogo tradizionalmente deputato a un’attrazione turistica di tipo culturale ed enogastronomico, attraverso i borghi storici e i castelli che presidiano il territorio. “Il nostro tentativo è di dare ulteriore slancio alla sfera culturale locale, portando i linguaggi, le tematiche e i discorsi degli artisti di oggi all’interno di un nuovo spazio fuori dalla città, non prettamente fisico, ma espanso nella provincia”, continuano gli organizzatori. “Per queste ragioni nasce il Ducato Prize, ch

IL PREMIO

e andrà a premiare un vincitore assoluto con il contributo di 7mila euro, oltre ad una menzione speciale di 2500 euro e ulteriori premi riservati a studenti delle Accademie d’arte.  Ad assegnare i premi sarà una giuria eterogenea e qualificata: Domenico Quaranta, Marina Dacci, Attilia Fattori Franchini, Claudia Losi, João Laia e Alberta Romano”. Articolata in due sezioni – Premio Arte Contemporanea e Premio Accademia – l’iniziativa sarà, dunque, rivolta a premiare sia gli artisti (nazionali e internazionali, senza limiti di età) che hanno già intrapreso un percorso all’interno del mondo dell’arte contemporanea, sia artisti più giovani, ancora iscritti presso istituti di formazione, al fine di premiarne l’originalità e di stimolarne la crescita.

COME PARTECIPARE

Chi c’è dietro il premio? “L’ente promotore dell’evento è Coil Art Motive, associazione per l’arte fondata con l’intento di creare una serie di eventi legati all’arte contemporanea in Val D’Arda”, rispondono gli ideatori. “Dietro al premio ci sono altri preziosi sostenitori che da subito hanno accolto con entusiasmo l’iniziativa: la Fondazione di Piacenza e Vigevano, l’istituzione che da sempre si spende maggiormente sul nostro territorio per lo sviluppo delle attività culturali e di assistenza sociale; l’amica imprenditrice Silvia Pighi, ideatrice di “Bnbiz”, primo Coworking Hotel d’Italia; e non ultimo per importanza, il sindaco Ivano Rocchetta che ha messo a disposizione gli spazi del Palazzo del Podestà nel borgo di Castell’Arquato”. Il Ducato Prize si concluderà, infatti, con una mostra presso uno dei più antichi monumenti del borgo medievale in provincia di Piacenza che includerà le opere dei 10 finalisti della sezione Arte Contemporanea e dei tre vincitori del Premio Accademia. C’è tempo fino al 28 febbraio 2019 per iscriversi.

-Claudia Giraud

http://jobs.artribune.com/competitions/ducato-prize-bando/2861.php

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).