Raccontare la Santa Muerte. Marcello Nocera a Cagliari

Fondazione Bartoli Felter, Cagliari ‒ fino al 2 febbraio 2019. Presentato a Milano in autunno, il reportage di Marcello Nocera sulla Santa Muerte approda a Cagliari.

È il risultato di un viaggio intrapreso in Messico alla volta del Dia de Los Muertos, occasione in cui si celebra il culto della Santa Muerte, quello che Marcello Nocera (Cagliari, 1980) presenta al pubblico. Divinità messicana di antiche origini precolombiane, il cui culto si è diffuso clamorosamente dal 2000, la Santa Muerte è considerata la Madonna dei narcos trafficanti. La santa patrona di criminali e reietti, fortemente ostacolata dalla chiesa cattolica.
Marcello Nocera ne ricostruisce uno dei tanti altari che le vengono dedicati lasciando offerte come frutta, sigarette, alcool e dolci tra decine di candele accese e centinaia di piccoli ex voto. Al centro la grande immagine della niña incoronata: uno scheletro abbigliato come una madonna col sacro manto che cambia colore a seconda del potere attribuitole. Rosso per amore e sesso; verde per carcere e droga; giallo per denaro e potere; nero per i fatti di sangue e infine bianco per la rinascita spirituale.
Nel resto della sala si susseguono una serie di fotografie, in un rigoroso bianco e nero, e tre grandi lightbox. Il reportage si concentra sui visi dipinti o coperti da maschere infernali. Gli sguardi sono sfuggenti e disincantati. I contorni delle figure si dissolvono tra barlumi di luce mentre i bambini mimano l’arrivo della morte e gli adulti portano in trionfo il feticcio, tra antichi riti pagani, fievoli fiammelle e incensi che bruciano. Perché celebrare la morte equivale a santificare la vita.

Roberta Vanali

Dati correlati
AutoreMarcello Nocera
Spazio espositivoFONDAZIONE BARTOLI-FELTER
Indirizzoviale trieste 57 - 09123 - Cagliari - Sardegna
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Roberta Vanali
Roberta Vanali è critica e curatrice d’arte contemporanea. Ha studiato Lettere Moderne con indirizzo Artistico all’Università di Cagliari. Per undici anni è stata Redattrice Capo per la rivista Exibart e dalla sua fondazione collabora con Artribune, per la quale cura due rubriche: Laboratorio Illustratori e Opera Prima. Per il portale Sardegna Soprattutto cura, invece, la rubrica Studio d’Artista. Orientata alla promozione della giovane arte con una tendenza ultima a sviluppare ambiti come illustrazione e street art, ha scritto oltre 500 articoli e curato circa 150 mostre per gallerie, musei, centri comunali e indipendenti. Tra le ultime: la doppia mostra di Carol Rama in Sardegna, L’illustrazione contemporanea in Sardegna, Archival Print. I fotografi della Magnum. Nel 2006 ha diretto la Galleria Studio 20 a Cagliari. Ha ideato e curato la galleria online Little Room Gallery (2010-13). Ha co-curato le mostre del Museo MACC (2015-17), per il quale nel 2018 è stata curatrice. Ha scritto saggi e testi critici per numerosi cataloghi e pubblicazioni. Il cinema è l’altra sua grande passione.