Giungle animate. Lu Song a Roma

Mattatoio, Roma ‒ fino al 6 gennaio 2019. “Interni Romani” è la prima mostra – curata da Ludovico Pratesi – di Lu Song in uno spazio istituzionale europeo. Opere inedite e dipinti visti a Hong Kong e Londra rivelano la scelta multipla di prospettive fra interno ed esterno, irrealtà diffuse accomunate dall’inquietudine di fondo di un disinganno barocco.

Lu Song. Interni Romani. Exhibition view at Mattatoio, Roma 2018. Photo Giorgio Benni
Lu Song. Interni Romani. Exhibition view at Mattatoio, Roma 2018. Photo Giorgio Benni

Noi cerchiamo l’assoluto e troviamo sempre e solo cose”, ha scritto Novalis. Lu Song (Beijing, 1982) proietta su tela la forma tragica del pensiero immaginando scenari nascosti alla vista, molteplicità di orizzonti dietro l’apparente semplicità della realtà concreta.
Le tele della serie Combe svelano intricati tunnel di alberi che sovrastano una laguna fredda, grattacieli vegetali nascondono il sole e mutano la magia tropicale in un’istantanea violenta e austera. Fisicità e astrazione evocano a volte narrazioni accennate, come per la figura che si staglia nel pannello d’acqua inquadrato dai tronchi saldi di Laguna 2. Ospite alieno di una natura totalizzante e infetta, fantasia nascosta a tal punto tra chiaroscuri indecifrabili e zone d’ombra inesplorate da farne ormai parte. Inversione evolutiva, regressione, solitudine al di fuori della società. Lo scenario descrive in acrilico sentimenti freddi. Blu, rosa, verde, un luogo spirituale saturo di immaginazione paesistica e psicologica.

THE ROOM UPSTAIRS

Le opere successive spostano l’attenzione su ambienti domestici, rappresentazioni idealizzate di ordine e sicurezza in cui la disconnessione tra uomo e spazio prosegue però incessante. Superando il livello di uno sterile inventario, il salotto svela gli aspetti ignoti di una realtà per la prima volta avvicinata. Microcosmo esplorato nei colori diversi e vivi di una febbre romantica e sentimentale. Il fascino per l’orrore e l’incontaminato prende posto sulla sedia thonet rubata alla Finestra con vista sul giardino (1917) di Chagall. Lampadari, specchi, elementi quotidiani sono caricati di vitalità trattenuta e drammatica, l’intima consapevolezza di essere prigionieri in casa dipinge un ambiente nell’attesa di un’effrazione probabile. Nessun oggetto si muoverà mai, ma le stanze aspettano qualcosa che dovrà prima o poi accedere. Uno spazio immobile, un tempo infinitamente più lento di quello della natura torbida degli altri dipinti.

Lu Song. Interni Romani. Exhibition view at Mattatoio, Roma 2018. Photo Giorgio Benni
Lu Song. Interni Romani. Exhibition view at Mattatoio, Roma 2018. Photo Giorgio Benni

DISPERAZIONE FURTIVA

Bene orchestrate le differenze, rami sull’acqua, sedia contro la parete, mattoni bianchi sul sentiero rosseggiante. Ovunque però spunta qualcosa, foglie, telefono, figure umane, fiori… La loro varietà, il loro stagliarsi trova nelle pennellate un’identità liquida, nonostante i contorni scanditi, bicolore di alcuni elementi. Ad accomunarli la disperazione furtiva delle quinte scure che chiudono opere come Il desiderio morente di Manfred (2016), Barriere (2016) o Interno – Lume di Candela (2018). Le avventurose possibilità di un percorso credibile si limitano al vialetto rassicurante di Fantasie (2018). Ovunque un sentimento di minaccia e instabilità, disincanto pluviale.

Raffaele Orlando

Evento correlato
Nome eventoLu Song - Interni romani
Vernissage30/10/2018 ore 18,30
Duratadal 30/10/2018 al 06/01/2019
AutoreLu Song
CuratoreLudovico Pratesi
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoMATTATOIO
IndirizzoPiazza Orazio Giustiniani 4 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Raffaele Orlando
Raffaele Orlando è nato a Benevento nel 1986. Sannita con influenze magnogreche maturate a Napoli durante gli anni di studio, archeologo con interessi per la museologia e la scrittura creativa. Ha svolto attività di progettazione mostre e percorsi museali alla Reggia di Caserta grazie al bando MiBACT “150 giovani per la cultura”. Oggi vive e lavora a Roma con l'obiettivo di ricostruire aspetti della vita quotidiana in antico e nella contemporaneità.