Inaugurata la terza sede della Nino Mier Gallery a Los Angeles

In una Los Angeles sempre più lanciata nel sistema dell’arte contemporanea grazie anche alla prossima edizione di Frieze, ecco che sempre più gallerie d’arte moderna si stanno ingrandendo o aprendo sedi nella west-coast.

Los Angeles
Los Angeles

La febbre per Frieze sta iniziando a farsi sentire a Los Angeles: la fiera inglese farà tappa in California dal 14 al 17 febbraio 2019. Noi di Artribune abbiamo seguito la vicenda dai primi rumors fino alla conferma ufficiale avvenuta lo scorso febbraio. La scelta del colosso fieristico inglese di inaugurare un appuntamento a Los Angeles, ha avuto come conseguenza immediata il fatto che sempre più gallerie abbiano deciso di aprire un avamposto sulla west-coast. Che l’egemonia di New York nell’arte contemporanea sia messa in discussione?

LA NUOVA APERTURA

Nell’entusiasmo generale di Frieze numerose gallerie d’arte stanno puntando su Los Angeles, mentre quelle già presenti sul territorio cercano di consolidare i rapporti con i loro collezionisti.
La Nino Mier Gallery, che può contare uno spazio a Colonia e due a Hollywood, ne ha inaugurato un terzo nel quartiere di West Hollywood che sta diventando il vero fulcro dell’arte contemporanea. Non è quindi da sola, ma in buona compagnia della Matthew Marks, Regen Projects e Jeffrey Deitch. “Abbiamo aperto il primo spazio nel 2015”, racconta al sito online Artnet Mier, “era piccolino e all’inizio ci siamo concentrati principalmente su artisti della Renania. Poi è arrivato un secondo spazio espositivo ed ora, quasi per caso, ci siamo allargati ulteriormente. Non stavamo cercando nulla ed ecco un ex show-room, in 7277 Santa Monica Boulevard, di quasi 500 mq, grazioso, con la facciata coperta d’edera”.

LA MOSTRA INAUGURALE

Con la personale di Celeste Dupuy-Spencer la Nino Mier Gallery ha inaugurato il suo nuovo spazio espositivo di West Hollywood. “Penso che la ragione per cui Celeste è diventata sempre più conosciuta a livello internazionale in questi anni sia il fatto che si occupa di argomenti in modo molto ponderato e investigativo”, racconta sempre il gallerista ad Artnet e aggiunge, “con il passare del tempo l’ex show-room diventerà la nostra sede principale e gli altri saranno destinati a progetti espositivi o residenze d’artista”.

LA FIERA

Frieze si svolgerà a Los Angeles dal 14 al 17 febbraio 2019 presso i Paramount Pictures Studios a Hollywood. Le gallerie che parteciperanno saranno 69, nove in più di quelle previste all’inizio, sintomo di un grande interesse e fermento che è andato via via creandosi intorno a questo evento fieristico. Le più famose saranno David Zwirner, Gagosian, Hauser & Wirth, Lisson, Pace, Perrotin, Almine Rech, Thaddaeus Ropac, White Cube e le italiane Massimo De Carlo e kaufmann repetto.
Anche la direttrice nominata a febbraio è un volto conosciuto nell’ambito del contemporaneo: si tratta dell’avvocatessa con pedigree nell’arte, Bettina Korek, fondatrice di ForYourArt, organizzazione di Los Angeles, che produce eventi culturali, promuove ed incoraggia nuove forme di mecenatismo coinvolgendo operatori, istituzioni ed entità civiche.

LA RINASCITA DELLA WEST-COAST

Non solo Los Angeles sta vivendo un periodo di grande fermento, anche San Francisco è teatro di un mega investimento, da 50 milioni, per costruire un grande parco d’arte pubblica. Il progetto fa parte di un piano di riqualificazione della Baia di San Francisco e prevede che le prime tre grandi opere vengano completate entro il 2020 presso Waterfront Plaza e Building One Plaza sulla Treasure Island e a Yerba Buena Hilltop Park. Gli artisti finalisti sono Ai Weiwei, Chakaia Booker e Pae White con un progetto per il Building One Plaza e con un budget di 1 milione di dollari; Ai Weiwei, Antony Gormley e Jorge Pardo sono in lizza invece per Waterfront Plaza Commission con 2 milioni di dollari; invece Booker, Andy Goldsworthy e Hiroshi Sugimoto sono stati già selezionati per il Yerba del Buena Hilltop Park.

– Valentina Poli

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Poli
Nata a Venezia, laureata in Conservazione e Gestione dei Beni e delle Attività Culturali presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, ha frequentato il Master of Art presso la LUISS a Roma. Da sempre amante dell'arte ha maturato più esperienze nel settore della didattica progettando e gestendo laboratori, in quello della preparazione di piccoli e grandi eventi culturali, nel settore delle gallerie d'arte e in campo giornalistico con collaborazioni con riviste del settore. Oggi vive a Roma.