Passato e presente dell’arte. Marco Lodola e Giovanna Fra a Caserta

Reggia di Caserta ‒ fino al 15 settembre 2018. La coppia di artisti riflette sulla logica del tempo. Declinandola nelle sue sfumature più antiche e contemporanee.

Marco Lodola - Giovanna Fra. Tempus–Time. Installation view at Reggia di Caserta, 2018. Photo credit La Lumière studio fotografico
Marco Lodola - Giovanna Fra. Tempus–Time. Installation view at Reggia di Caserta, 2018. Photo credit La Lumière studio fotografico

Tempus – Time, la doppia personale di Marco Lodola e Giovanna Fra curata da Luca Beatrice, illumina la Reggia di Caserta con un nuovo progetto dedicato a una visione dell’arte che sa coniugare, ormai storicamente, il passato al presente dell’arte stessa.
La mostra”, dichiara non a caso Mauro Felicori, direttore della Reggia dal 2015, “s’inserisce nell’importante storia del rapporto della Reggia con l’arte contemporanea e con la variegata polifonia dei suoi linguaggi, un dialogo lungo e intenso che si è rinnovato costantemente nel corso degli anni nel confronto continuo e forte, sentito tra epoche e stili, che rende sempre attiva e feconda la vita di uno spazio museale così significativo”.
A collegare i due artisti, apparentemente distanti e dal discorde modus operandi, non è soltanto il territorio d’origine – sono nati infatti ambedue in Lombardia, Fra a Pavia, e nella sua provincia, a Dorno, Lodola – ma anche un particolare rapporto con il tempo, inteso da una parte come recupero dell’arcaico (tempus), dall’altro come analisi della velocità attuale (time).
A primo acchito questo nuovo asse Lodola-Fra pare essere un pacchetto preconfezionato, per alcuni attenti amanti dell’arte una sorta di ripresa della mostra LoDoLaFra, presentata sempre da Beatrice e organizzata alla Galleria Centro Steccata di Parma (dal 18 marzo al 30 giugno 2017), ma a guardare bene si tratta piuttosto di un itinerario a due voci che gli artisti hanno forse deciso di avviare all’indomani del loro matrimonio, il 23 ottobre 2017.

SPAZIO E PARTECIPAZIONE

Fatto sta che negli spazi monumentali del vanvitelliano Palazzo Reale voluto da Carlo di Borbone e nel suo parco, dove ad accogliere lo spettatore è una sfilata di alcune monumentali sculture luminose realizzate da Marco Lodola negli ultimi anni ‒ che fungono non solo da apertura e da breccia tra l’aperto e il chiuso, ma anche da memento felice di festa ‒, la mostra funziona e anzi crea piacevoli e croccanti rapporti di partecipazione con lo spazio.
Dialogare con stucchi, decorazioni, pitture di genere e, soprattutto, con un’architettura di inestimabile pregio può costituire […] una sfida ardua eppure affascinante per gli artisti contemporanei, a partire dall’utilizzo di materiali anomali che solo da poco sono entrati nel novero appunto dell’artisticità”, puntualizza Luca Beatrice. “Senza contare volumi, cubature e l’immensità di un parco che farebbe spaventare chiunque. […] Realizzare un cortocircuito visivo tra il tempus e il time, ovvero il passato e il presente, è rischio che l’arte di oggi sente di correre con sempre maggior frequenza. Ora, in particolare, tra pittura, elaborazione digitale, plastica e luce”.

Marco Lodola - Giovanna Fra. Tempus–Time. Installation view at Reggia di Caserta, 2018. Photo credit La Lumière studio fotografico
Marco Lodola – Giovanna Fra. Tempus–Time. Installation view at Reggia di Caserta, 2018. Photo credit La Lumière studio fotografico

CORTOCIRCUITI E PUNTI DEBOLI

Dall’ingresso agli spazi interni che portano in un viaggio che arriva fino al piano nobile, il fuoco liquido di Marco Lodola e la pittura astratto-digitale di Giovanna Fra creano proprio questo piacevole cortocircuito, questo vivace spostamento materico, questo ulteriore dialogo con spazi straordinari dove è possibile perdersi tra le voci corse avanti.
Peccato che il catalogo (Skira, 2018) sia un pot-pourri di interventi dove nomi importanti vengono gettati tra nomignoli senza alcun valore, se non quello del richiamo per le allodole. Gillo Dorfles, ad esempio, che di Marco Lodola ha scritto in occasione di una bella mostra tenuta a Paestum, negli spazi del MMMAC – Museo Materiali Minimi d’Arte Contemporanea (debitamente chiuso da una delle amministrazioni di turno che reputa la cultura una palla al piede), è posto allo stesso livello di un Philippe Daverio, di un Renzo Arbore, di un Max Pezzali o peggio ancora di un Lorenzo “Jovanotti” Cherubini. Lo stesso vale per quegli altri nomi di valore (Achille Bonito Oliva, Umberto Galimberti, Tiziano Scarpa e naturalmente il curatore della mostra) che si trovano nell’indice come sconsolati fiori solitari.

Antonello Tolve

Evento correlato
Nome eventoMarco Lodola / Giovanna Fra - Tempus. Time
Vernissage13/06/2018 ore 18 su invito
Duratadal 13/06/2018 al 16/09/2018
AutoriMarco Lodola , Giovanna Fra
CuratoreLuca Beatrice
Generiarte contemporanea, doppia personale
Spazio espositivoREGGIA DI CASERTA
IndirizzoVia Douhet 22 - Caserta - Campania
EditoreSKIRA
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Antonello Tolve
Antonello Tolve (Melfi 1977) è teorico e critico d’arte. Dottore di ricerca presso l’Università di Salerno, insegna Pedagogia e Didattica dell'Arte e Antropologia dell'Arte all'Accademia di Belle Arti di Macerata. Studioso delle esperienze artistiche e delle teorie critiche del Secondo Novecento, con particolare attenzione al rapporto che intercorre tra arte, critica d’arte e nuove tecnologie. Pubblicista, collabora regolarmente con diverse testate del settore. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, in Italia e all'estero e vari cataloghi di artisti. Collabora, a Salerno, con la Fondazione Filiberto Menna e dirige con Stefania Zuliani, per l’editore Plectica, la collana Il presente dell’arte. Tra i suoi libri Giardini d’utopia. Aspetti della teatralizzazione nell’arte del Novecento (2008), Gillo Dorfles. Arte e critica d'arte nel secondo Novecento (2011), Giuseppe Stampone. Estetica Neodimensionale / Neodimensional Aesthetics (2011), Bianco-Valente. Geografia delle Emozioni / Geography of Emotions (2011).