Quando l’artista non c’è. Lorenzo Sampaolesi a Milano

Gorani 8, Milano ‒ fino al 10 giugno 2018. Attraverso il bianco e il nero, Lorenzo Sampaolesi indaga e riscopre l’universo femminile.

Gli scatti di Lorenzo Sampaolesi (1989) mostrano una danza ipnotica come il canto delle sirene di Omero, ma anche silenziosa e contemplativa. I soggetti sono nudi femminili e integrali, ma dai quali non traspare volgarità o erotismo, piuttosto, senza filtri né pregiudizi, si vuole raccontare le protagoniste.
Quelli di Lorenzo sono scatti rubati, in bianco e nero; sono finestre che si affacciano sul giardino privato delle giovani, ritratte mentre si lasciano andare, in silenzio, ignorando di essere spiate e si mostrano come da nessuno si farebbero vedere; forse, è un modo nuovo di riscoprirsi anche per le protagoniste stesse.
Durante la sessione di scatti Lorenzo Sampaolesi non c’è: lascia le ragazze nel proprio studio, assieme a due macchine fotografiche impostate per scattare automaticamente. Ci vuole un po’ perché si ambientino, poi, mentre non pensano a nulla e non fanno nulla, se non abbracciare il tempo e lo spazio che le circonda, cadono le maschere e ci appaiono le donne.

Emanuele Gurini

Dati correlati
Spazio espositivoGORANI 8
IndirizzoVia Gorani, 8 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Emanuele Gurini
Emanuele Gurini (Loreto, 1989) è critico d’arte e curatore indipendente. Si occupa prevalentemente di arte e teoria dell’arte e del rapporto che intercorre tra le arti visive e le nuove tecnologie. Tra i suoi interessi, la poesia verbo-visiva e gli scambi tra immagine e parola nella cultura italiana del secondo Novecento.