Essere e divenire. Andrea Santarlasci a Pisa

Chiesa di Santa Maria della Spina, Pisa ‒ fino al 20 maggio 2018. Una considerazione sull’antica conformazione geomorfologica della pianura pisana diventa spunto per riflettere sulla condizione dell’uomo sulla Terra. Fra realtà e memoria, passato e presente.

Un tronco d’albero recuperato alla foce dell’Arno e una scritta al neon: due installazioni inedite, rispettivamente Senza titolo (declivio) e Dove ciò che scompare si manifesta, che alternano elementi naturali e tecnologici creando un dialogo estetico fra materiali profondamente diversi.
Andrea Santarlasci (Pisa, 1964) indaga l’opposizione fra naturale e artificiale, fra spazio privato e ambiente esterno, e costruisce anche una sottile relazione fra spazio, tempo e individuo. I luoghi geografici modificano nei secoli le loro caratteristiche, allo stesso modo in cui l’umanità modifica le proprie: si è, e poi si diventa altro, con l’impressione di non essere mai stati prima, tanta è la forza del presente sul passato. Ma di quest’ultimo restano comunque tracce più o meno labili, che l’arte può evocare e mettere in relazione; in tal modo un tronco portato dalla corrente rievoca un antico braccio di fiume e il vagare dell’uomo sulla Terra, sintetizzato dalle parole di Eraclito.

Niccolò Lucarelli

Evento correlato
Nome eventoAndrea Santarlasci - Confluenze
Vernissage21/04/2018 ore 18
Duratadal 21/04/2018 al 24/05/2018
AutoreAndrea Santarlasci
CuratoreLudovico Pratesi
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoCHIESA DI SANTA MARIA DELLA SPINA
IndirizzoLungarno Gambacorti - Pisa - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Niccolò Lucarelli
Laureato in Studi Internazionali, è curatore, critico d’arte, di teatro e di jazz, e saggista di storia militare. Scrive su varie riviste di settore, cercando di fissare sulla pagina quella bellezza che, a ben guardare, ancora esiste nel mondo.