Bacon, Freud e un secolo di vita in pittura. Alla Tate in mostra l’intimità dei due maestri

La mostra presenta quasi 100 opere dei più acclamati artisti moderni britannici, ponendo al centro le figure di Lucian Freud e Francis Bacon, con un nucleo di loro opere tra le più importanti raramente esposte finora

Lucian Freud
Lucian Freud, 1922 2011, Girl with a White Dog, 1950 1, Oil paint on canvas © Tate

Una storica esposizione alla Tate Britain celebra la pratica con cui gli artisti hanno catturato, con la loro pittura, le proprie personali esperienze di vita. All Too Human: Bacon, Freud and a Century of Painting Life (Tutto Troppo Umano: Bacon, Freud e un secolo di vita in pittura) – questo il titolo della mostra in corso fino al 27 agosto -, presenta quasi 100 opere dei più acclamati artisti moderni britannici, ponendo al centro dell’esposizione le figure di Lucian Freud e Francis Bacon. Un nucleo di loro opere – tra le più importanti raramente esposte finora – darà, infatti, ai visitatori la possibilità di immergersi nell’intimità di questi due maestri dell’arte moderna. Per esempio, alcuni dipinti chiave che abbracciano tutta la carriera di Freud, rivelano come il suo studio fosse nello stesso tempo, contesto e soggetto delle sue opere, e come alcune raffigurazioni dei suoi modelli siano diventate, con il passare del tempo, più scultoree e viscerali, come è ben visibile nel ritratto Frank Auerbach 1975-6 e in Sleeping by the Lion Carpet 1996. Ponendosi in contrasto con la pratica del dipingere a partire dal vivo utilizzata da Freud, l’esposizione procede concentrandosi sulla relazione tra Bacon e il fotografo John Deakin, i cui ritratti di amici e amanti, spesso rappresentavano proprio il punto di partenza del lavoro del pittore irlandese, come nel dipinto Portrait of Isabel Rawsthorne 1966. La mostra svela, così, le esperienze di vita e gli eventi personali racchiusi dentro la loro arte, rivelando proprio attraverso l’uso della pittura delle sensazioni intense, come lo stesso Freud affermava: “Voglio che la pittura faccia quello che fa la carne”. Ecco le immagini…

– Claudia Giraud

All Too Human: Bacon, Freud and a Century of Painting Life
Fino al 27 agosto
Tate Britain, Millbank, London SW1P 4RG
www.tate.org.uk

 

Dati correlati
AutoriLucian Freud, Francis Bacon
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).