Arte, tecnologia e innovazione. Alle OGR di Torino 3 mostre immersive inaugurano lo Spring Bang

Dopo il Big Bang dell’apertura, ora si entra nel clou della programmazione delle Officine Grandi Riparazioni con 3 progetti sui new media: la personale di Susan Hiller, il giornalismo 2.0 con Studio Azzurro e un ambiente interattivo per bambini

The NewsRoom installation view at OGR_ph Giorgio Perottino Getty for OGR
The NewsRoom installation view at OGR_ph Giorgio Perottino Getty for OGR

A sei mesi dall’inaugurazione, entra a pieno regime la programmazione artistica delle Officine Nord delle OGR di Torino con lo Spring Bang: il Big Bang di primavera. Per l’occasione, i tre Binari dedicati alle Arti Visive sono occupati simultaneamente da tre nuovi progetti con un unico focus tematico: il rapporto tra arte, tecnologia e innovazione. “Ambienti digitali interattivi, esperienze di realtà aumentata, percorsi immersivi multisensoriali: così gettiamo un ponte ideale sull’apertura a fine anno delle Officine Sud, dove si esploreranno le frontiere dell’innovazione scientifica, tecnologica, industriale”, ha dichiarato il Direttore Generale delle OGR Massimo Lapucci. “Laboratori di ricerca sui Big Data, acceleratori di imprese, sviluppo di start up high tech dei talenti italiani rientrati dalla Silicon Valley, sperimentazione di idee funzionali anche alla proposta di contenuti creativi per il pubblico delle Officine Nord, caratterizzeranno ancor più le OGR come un vero e proprio innovation hub internazionale”.

LA MOSTRA DI SUSAN HILLER

Il Binario 1 ospita, così, fino al 24 giugno 2018 la mostra personale dell’artista inglese Susan Hiller, Social Facts, “l’insieme degli artefatti culturali di ogni società”, ha spiegato la sua curatrice Barbara Casavecchia: un percorso immersivo, incentrato su una nuova video proiezione monumentale intitolata Illuminazioni (2018), cui ha contribuito, con le proprie voci, un gruppo di volontari torinesi. Fino al 27 maggio il Binario 2 è, invece, dedicato a The NewsRoom, progetto realizzato da La Stampa in collaborazione con Google e Studio Azzurro, uno dei collettivi artistici che in questi anni si è contraddistinto grazie alla capacità di unire strumenti analogici, multimediali e digitali. Lo spazio prende in questa occasione la forma di una mostra e di uno show digitale, di un’esperienza di giornalismo narrativo e interattivo basato sull’approfondimento.

LA STAMPA, BELLEZZA

Si tratta di un progetto che consente a ogni lettore di entrare dentro le notizie per viverle fisicamente”, ha affermato Maurizio Molinari, Direttore de La Stampa. “Cinque schermi proiettano contemporaneamente la stessa storia ed è proprio questa simultaneità tra immagine, suono e testo a permettere di entrare dentro l’informazione declinata su tre fronti: la musica classica, l’intelligenza artificiale e l’emigrazione di massa”. Infine, il Binario 3 diventa la casa di Learn & Play! teamLab Future Park, primo progetto permanente (della durata di 3 anni) in Europa di teamLab, collettivo di sviluppatori giapponesi il cui successo è stato consacrato dal pubblico di Expo2015. Il progetto accoglierà in un ambiente digitale interattivo i bambini dai 3 ai 10 anni, invitandoli a esplorare il confine tra arte e tecnologia attraverso un insieme di installazioni e postazioni immersive. Le immagini.

 

– Claudia Giraud

 

Evento correlato
Nome eventoSusan Hiller - Social Facts
Vernissage29/03/2018 ore 19
Duratadal 29/03/2018 al 24/06/2018
AutoreSusan Hiller
CuratoreBarbara Casavecchia
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoOGR TORINO
IndirizzoCorso Castelfidardo 22 - Torino - Piemonte
Evento correlato
Nome eventoThe NewsRoom - Binario 2
Vernissage29/03/2018 ore 19
Duratadal 29/03/2018 al 27/05/2018
Autore Studio Azzurro
Generenew media
Spazio espositivoOGR TORINO
IndirizzoCorso Castelfidardo 22 - Torino - Piemonte
Evento correlato
Nome eventoLearn & Play! teamLab Future Park
Vernissage29/03/2018 ore 19
Duratadal 29/03/2018 al 30/03/2018
Autore teamLab
Generenew media
Spazio espositivoOGR TORINO
IndirizzoCorso Castelfidardo 22 - Torino - Piemonte
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).